Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/415

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Toni. Signor.

Ottavio. Avete un calamaro?
Toni. Se la voi sto strazzeto calamar da scolaro.
(lira fuori di lasca un calamaro)
Ottavio. Carta?
Toni. No ghe ne xe C).
Gh’ ho sto libro da conti.
Ottavio. Lascia vedere a me.
(slraccia un foglio)
Toni. E1 mio libro. (lamentandosi)
Ottavio. Sta zitto. Scrivete, io detterò, (a Brigida)
Brigida. Cossa vorlo che scriva?
Ottavio. Quello ch’io vi dirò.
Brigida. (Mo la xe ben curiosa. Dove vaia a finir?)
(si melte per scrivere)
Lelio. (Sentiam che cosa scrive).
Ottavio. (Mi voglio divertir).
Scrivete. (a Brigida)
Brigida. Scriverò.
Signor Colite carissimo. (dellando)
Che tutto a voi sia noto, ho un piacere grandissimo.
Adoro il signor Lelio, lo dissi e lo ridico;
E di voi, compatitemi, non me n’importa un fico.
Brigida. Ho da scriver sta roba?
Ottavio. Senza difficoltà.
Lelio. Scrivete. Innanzi sera forse sarò tornata
Col caro signor Lelio unita e maritata.
Brigida. Sta roba?.... (ad Otiavio)
Ottavio. Non occorre, che a bada lo tenete.
Terminate di scrivere, e poi sottoscrivete.
Qui non ci sarà nulla per sigillare il foglio.
Non importa, per questo più differir non voglio.
(I) Manca di questo verso, forse per ditello tipografico, un intero settenario. Nell’ed.
Zatta, e in altre, si trova questa correzione: « Oli. Adesso avete un poco di carta? Toni. No
ghe n’è.