Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/419

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO QUARTO.

SCENA PRIMA.

Orto all’uso della Zuecca.

Betta e Catte.

Catte. Za che no gh’è nissun, spazzizemo un pocheto.

Betta. Varda, no ghe parlar, se vien sior Giacometo.
So muggier xe tornada.
Catte. Dasseno?
Betta. In verità.
De lu no la se fida.
Catte. Che gran bestialità!
Lo savè, siora Beta, come che mi son fata.
Lo savè che coi omeni mi no fazzo la mata.
Toni xe assae sutilo: no lo voi desgustar.
Ma giusto co sta siora me la voria cavar.