Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/423

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Anzoletta. Eia n’ha strapazza.

Giacometto. Se parla con maniera. (a Tonino)
Tonina. Mandele via de qua.
Giacometto. Ande via. (alle Zueccbine)
Catte. Semo in orto, e ghe volemo star.
Tonina. Fè che le vaga via. (a Giacomello)
Giacometto. Se no le voi andar, (a Tonino, con collera)
Tonina. Donca vegnì con mi.
Betta. Vardè che bel mano!
Giacometto. Cossa aveu dito?
Betta. Gnente.
Catte. Ande, coreghe drio (’).
Anzoletta. Povero pampalugo.
Tonina. Andemio, o non andemio?
Giacometto. (Se ghe vago, i me burla).
Tonina. Sior mano, cossa Femio?
Giacometto. (E se no vago, è pezo).
Tonina. Si, ve lezo in tei cuor.
Ve cognosso ala ciera, che gh’avè del brusor
Per causa de ste sporche...
Betta. Oh per diana de dia.
Cate. Coss’ è sto strapazzar?
Anzoletta. Coss’ è sta vilania?
Catte. Qua no ghe xe sporchezzi.
Anzoletta. Eia s’ala insporcà?
Betta. La se vaga a netar....
Giacometto. Zito, per carità.

SCENA V.

Ottavio e Lelio travestili da marinari, e detti.

Ottavio. Cossa xe sto sossuro (2)?

(affettano il oeneziano, e lo parlano mole)
Lelio. Cossa xe sto fracasso?
(1) Corretele dietro. (2) Così il lesto.
Il