Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lelio. Cossa disìu?

Tonina. Chi xe sti papagai?
Ottavio. Semo do Giudechini, che ghe xe qua arivai.
Tonina. No, sto vostro parlar noi xe da Veneziani;
Me pare do foresti, pare do oltramontani.
Scoverzive chi se, ve prego per favor.
Ottavio. Mi ghe xe mariner.
Lelio. Mi ghe xe pescador.
Tonina. Col vostro mi ghe xe no me l’ave impiantada.
Mi ghe xe, mi ghe xe... la xe una baronada.
Co le donne civil no se trata così.
E ve lo digo in fazza.
Ottavio. Gh’ave rason, uì (’).
Tonina. Uì, sior Venezian?
Giacometto. Mo no vedeu, minchiona.
Che i xe do cari amici, che ve dà la baldona? (2)
Tonina. Ben, se i voi minchionar, se i gh’ha sta bela peca.
Che i vegna a minchionar quele dela Zucca.
Betta. Come sarave a dir?
Catte. Chi credela che siemo?
Betta. Burlar le Zuechine?
Catte. Per diana, no ghe stemo.
Anzoletta. No semo spiritose, come le Veneziane,
Ma gnanca no se femo piantar dele panchiane.
Ottavio. Eh scacciate, signora, codesta gelosia.
Lelio. Vi vogliamo guarire da tal malinconia.
Tonina. No la xe la maniera.
Giacometto. da f Cossa avemio ar.-"
Ottavio. Presto, andiamo al festino. (a Tonino)
Giacometto. Presto, andemo a baiar,
(a Tonino)
Tonina. No voi.
(1) Neil’ed. Pitleri è stampalo vi; nell’ed. Zaita e in altre unì. (2) Più comunemente boldona. • Maniera triviale, dar la balta o la berla. Adulare mescolandovi alquanto
di befia »: Boerio.