Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 ATTO PRIMO

Fortunato. Tago ben, tago. Cugnà, saudo; saudo, Checca, saudo. (saluta)

Orsetta. Sioria, cugnà.

Checca. Cugnà, bondì sioria.

Orsetta. Sior Titta Nane, gnanca?

Titta Nane. Patrone.

Checca. Stè molto alla larga, sior. Cossa gh’aveu paura? Che Lucietta ve diga roba1?

Titta Nane. Cossa fala Lucietta? Stala ben?

Orsetta. Eh! la sta ben sì, quella cara zoggia.

Titta Nane. Coss’è, no sè più amighe?

Orsetta. Oh! e come che semo amighe. (ironico)

Checca. La ne vol tanto ben! (con ironia)

Libera. Via, putte, tasè. Avemo donà tutto 2; avemo dito de no parlare, e no veggio che la possa dire de madesì, e de qua, de làa, che vegnimo a pettegolare.

Fortunato. Oe, muggiere, ho portao de a faìna da sottovento, de a faìna e sogo tuccob, e faemo a poentac, faemo.

Libera. Bravo! ave portà della farina de sorgo turco? Gh’ho ben a caro dasseno.

Fortunato. E ho portao...

Titta Nane. Vorave che me disessi... (a Libera)

Fortunato. Lassè parlare i omeni, lassè parlare. (a Titta Nane)

Libera. Caro vu, quieteve un pochetto. (a Fortunato)

Titta Nane. Vorave che me disessi cossa ghe xe sta con Lucietta.

Libera. Gnente. (con malizia)

Titta Nane. Gnente?

Orsetta. Gnente, via, gnente. (urtando Libera)

Checca. Xe meggio cussì, gnente. (urtando Orsetta)

Fortunato. Oe putti, potè in terra e sacco faìna, (verso la tartana)

  1. De ma de sì, e de qua, de là. Frase stravagantissima, e significa che non possano dire di noi che abbiamo parlato.
  2. Grano di Turchia
  3. Della farina di questo grano, o granone, si fa la polenta.
  1. Dir roba, dir villanie: v. Boerio.
  2. Donar, qui significa porre in dimenticanza: V. Boerio.