Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 ATTO SECONDO

Flaminio. Siete assai polito e civile, e meritate assai più... Ma lasciamo a parte per ora quegli eloginota che potrebbero offendere la vostra modestia. Voi sapete il mio amore e il mio impegno per la signora Barbara.

Lindoro. Lo so benissimo.

Flaminio. Ella non è ancora informata del testamento, e se sapesse le cose come si trovano presentemente, avrebbe gran soggetto di temere per lei, o di rattristarsi per me. Gli affari domestici m’hanno impedito d’andar da lei. Le ho scritto un biglietto, ma senza dirle niente di positivo. Mi era impegnato d’andar da lei a quest’ora precisa, ma aspetto l’avvocato, e non mi posso partire. Vi prego dunque d’andarla a ritrovare per parte mia, dirle la ragione perch’io non vado, e circa al testamento dar un cenno con arte della disposizion di mio padre, ma assicurarla ch’io sono disposto a perder tutto, piuttosto che abbandonarla.

Lindoro. Sarete servito... Ma se non vi premesse ch’andassi subito...

Flaminio. Veramente mi premerebbe che vi andaste sollecitamente. La signora Barbara sarà impaziente, e tremo ch’ella sappia la disposizion di mio padre. Avete voi pure qualche cosa d’assai pressante?

Lindoro. Niente altro che dir due parole a mia moglie.

Flaminio. Sì, vedetela. Ditele quel che le avete da dire, e andate.

SCENA Vi.
Fabrizio e detti.

Fabrizio. Signore, l’avvocato è in sala che la domanda. (a don Flaminio)

Flaminio. Vado subito. (in atto di partire) Mi raccomando a voi. So ch’avete dell’amore per me. Procurate o in un modo, o nell’altro, di rasserenarla. Appoggio a voi quest’affare perchè mi preme, e son sicuro ch’avete dello spirito, e ci riuscirete...

(in atto di partire, e si volta) Sopra tutto vi raccomando la sollecitudine. (parte) 1

  1. Ed. Zatta: quegl’elogj.