Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/387

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 381

Lissandro. O sie1 zecchini, o la xe parona de bando a.

Cecilia. O che caro sior Lissandro! Sie zecchini!

Lissandro. Via, se ghe par poco, la me ne darà sette. (mettendo via le altre)

Cecilia. L’avè sbarada2, compare.

Lissandro. Sala che roba che xe quella?

Cecilia. La vedo, e la cognosso, e so cossa che la xe. Animo, animo, quanto voleu?

Lissandro. Mi ho dito.

Cecilia. Vu avè dito. Bisogna mo che diga anca mi.

Lissandro. La varda ben...

Cecilia. Tasè là. Sì ben; tre zecchini, e gnanca un bezzo de più.

Lissandro. Siora sì, farave un bel vadagno. Le me costa a mi quattro zecchini da quel bon servitor che ghe son.

Cecilia. Via, chiaccole, pacchiarateb. Se volè tre zecchini, ben; se no, tegnìvele, e mi no compro altro.

Lissandro. Via, no la vaga in collera. La me daga de più tutto quel che la vol.

Cecilia. Gnanca un bagattin3 (apre la cassetta e tira fuori tre zecchini). Tolè, questi xe tre zecchini. Se volè, ben, se no volè, bon viazo. (li mette sul tavolino)

Lissandro. No so cossa dir. Ghe perdo, ma con ella bisogna perdeghe volentiera. (prende i tre zecchini)

Cecilia. Mi ho paura che colle vostre chiaccole m’abbiè fatto zo.

Lissandro. Se no la xe contenta, ghe dago i so bezzi in drio4 (e in questo mentre li mette in tasca)

Cecilia. Basta, l’è fatta.

Lissandro. Sora sto marcà, se mai ghe avanzasse una chiave de palcoc, la se recorda de mi.

Cecilia. Oh caro vecchio, in sti ultimi zorni?

  1. Per niente.
  2. Pastocchie.
  3. Le domanda un palchetto di Commedia.
  1. Sei.
  2. Sbarar de le panchiane o bombe, sballare fandonie: Boerio. V. vol. II. pag. 137, n. I.
  3. Dodicesima parte del soldo veneto: vol. VII, pag. 154, n. 2 e XII, pag. 463, n. 1 .
  4. Indietro, di ritorno.