Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cecilia. Oh sì, gh’avè rason. Andeve a far i rizzi (a), pò vegnì qua.

Zanetto. Vado subito. Oh caro Lissandro !

Lissandro. Oh ! songio un omo mi ?

Zanetto. Vardè pò, no me manche.

Lissandro. Me maraveggio. Co dago una parola, no manco mai.

Zanetto. Siora Ceciha, la riverisso. Siora sorella, bondì, siora so- rella. Cara sorella ! (si maschera) Adesso nissun me cognosse più. Sior milord, sior milord. Got morghen, main libreher (i). Ah, ah, ah. (ridendo) Patrona riverita. (parte)

SCENA IV.

Cecilia e Lissandro.

Cecilia. Ah ! cossa diseu ?

Lissandro. E1 xe una delizia, un zuccaro, un marzapan.

Cecilia. E volè dasseno che femo ancuo sta commedia ?

Lissandro. Sì, anca da galantomo che voi che la femo.

Cecilia. Cossa voleu che diga sior Gasparo e siora Tonina?

Lissandro. La lassa l’ intrigo a mi ; no son capace de torme un impegno, co no son seguro de tirarla fora pulito. Semo de carneval, i xe spassi che se se poi tor.

Cecilia. Sì ben, co sior Gasparo lo sa, co siora Tonina xe contenta.

Lissandro. Ghe sala andar da sior Gasparo ?

Cecilia. Oh sì, ghe so andar.

Lissandro. Dopo nona (e), la se trova là col sior milord, e se no la ride ancuo, no la ride mai più ; a bon riverirla.

Cecilia. A rivèderse.

Lissandro. Oh che chiassi che avemo da far! (parte) (a) Farsi accomodare il capo, (b) Vuol passare per milord, e parla male il tedesco, (e) Dopo mezzogiorno.