Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 389

Cecilia. Oh sì, gh’avè rason. Andeve a far i rizzia, po vegnì qua.

Zanetto. Vado subito. Oh caro Lissandro!

Lissandro. Oh! songio un omo mi?

Zanetto. Vardè po, no me manchè.

Lissandro. Me maraveggio. Co dago una parola, no manco mai.

Zanetto. Siora Cecilia, la riverisso. Siora sorella, bondì, siora sorella. Cara sorella! (si maschera) Adesso nissun me cognosse più. Sior milord, sior milord. Got morghen, main libreherb. Ah, ah, ah. (ridendo) Patrona riverita. (parte)

SCENA IV.
Cecilia e Lissandro.

Cecilia. Ah! cossa diseu?

Lissandro. El xe una delizia, un zuccaro, un marzapan.

Cecilia. E volè dasseno che femo ancuo sta commedia?

Lissandro. Sì, anca da galantomo che vôi che la femo.

Cecilia. Cossa voleu che diga sior Gasparo e siora Tonina?

Lissandro. La lassa l’intrigo a mi; no son capace de torme un impegno, co no son seguro de tirarla fora pulito. Semo de carneval, i xe spassi che se se pol tor.

Cecilia. Sì ben, co sior Gasparo lo sa, co siora Tonina xe contenta.

Lissandro. Ghe sala andar da sior Gasparo?

Cecilia. Oh sì, ghe so andar.

Lissandro. Dopo nonac, la se trova là col sior milord, e se no la ride ancuo, no la ride mai più; a bon riverirla.

Cecilia. A rivéderse.

Lissandro. Oh che chiassi che avemo da far! (parte)

  1. Farsi accomodare il capo.
  2. Vuol passare per milord, e parla male il tedesco.
  3. Dopo mezzogiorno.