Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/402

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Gasparo. Cara fia, son sta per i mi interessi.

Tonina. E perchè non m’aveu desmissià O ? (placidamente)

Gasparo. Perchè v’ ho voleste lassar dormir. (con maniera)

Tonina. Ande là, che sè un gran baron ^~\ (scherzando)

Gasparo. Poverazza ! un’altra volta no lo farò più. (scherzando)

Tonina. Ande via, andè a lavorar in cusina. (a Riosa)

Riosa. Oh siora sì. La diga, sior patron.

Gasparo. Cossa gh’ è ?

Riosa. No l’ ha gnancora manda la spesa, stamattina.

Gasparo. Ande, andè, no stè a cercar altro, (a Riosa che parte)

Tonina. Appunto ! no volè che magnemo ancuo ?

Gasparo. Ve dirò, ho trova mio compare Bernardin. Ghe xe da elo dei Bolognesi, che gh’ha una partìa de canevo (^) da esitar, e i m’ha scelto mi per sanser, e ancuo bisogna che vaga a disnar da elo.

Tonina. Per cossa mo a disnar?

Gasparo. Perchè i gh’ ha delle altre cosse da far, e i ha de- stina queir ora per sto negozio.

Tonina. E vu gh’ ave ditto de sì, che anderè ?

Gasparo. Cossa voleu che fazza ? Voleu che ghe diga de no ?

Tonina. E mi sola in casa co (’’) fa una bestia...

Gasparo. No; ve dirò...

Tonina. Ande, andè, se ave d’ andar, destrigheve ^^\ (si mette a lavorare)

Gasparo. Cossa diavolo gh’ aveu stamattina ?

Tonina. Gnente. (lavorando)

Gasparo. Seu in collera perchè no v’ho desmissià ? (scherzando)

Tonina. Mi ! no me n’ importa ne bezzo, nè bagattin ^^K

Gasparo. Cossa gh’aveu donca ?

Tonina. Andeve a divertir, e lasseme qua.

Gasparo. Ve dirò, se me lasserò dir. Xe debotto (’’) un mese che (I) Neil’ ed. Zatta ora è stampato dismhsià e ora desmissià. Desmissiar, svegliare: voi. Il, 616; XII. 121 ; XIII, 371 ecc. (2) Mariuolo, baroncello : Boerio. (3) Canapa. (4) Qui significa come. (5) Spicciatevi: voi. XII, 123 e XIII, 299 e 306. (6) Un bel nulla: v. Boerio e voi. VII, 154. (7) Quasi: v. Boerio.