Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/402

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
396 ATTO PRIMO

Gasparo. Cara fia, son sta per i mi interessi.

Tonina. E perchè non m’aveu desmissià1? (placidamente)

Gasparo. Perchè v’ho voleste lassar dormir. (con maniera)

Tonina. Ande là, che sè un gran baron2.(scherzando)

Gasparo. Poverazza! un’altra volta no lo farò più. (scherzando)

Tonina. Ande via, andè a lavorar in cusina. (a Riosa)

Riosa. Oh siora sì. La diga, sior patron.

Gasparo. Cossa gh’è?

Riosa. No l’ha gnancora mandà la spesa, stamattina.

Gasparo. Andè, andè, no stè a cercar altro. (a Riosa che parte)

Tonina. Appunto! no volè che magnemo ancuo?

Gasparo. Ve dirò, ho trova mio compare Bernardin. Ghe xe da elo dei Bolognesi, che gh’ha una partìa de canevo3 da esitar, e i m’ha scelto mi per sanser, e ancuo bisogna che vaga a disnar da elo.

Tonina. Per cossa mo a disnar?

Gasparo. Perchè i gh’ha delle altre cosse da far, e i ha destinà quell’ora per sto negozio.

Tonina. E vu gh’ave ditto de sì, che anderè?

Gasparo. Cossa voleu che fazza? Voleu che ghe diga de no?

Tonina. E mi sola in casa co4 fa una bestia...

Gasparo. No; ve dirò...

Tonina. Ande, andè, se avè d’andar, destrigheve5 (si mette a lavorare)

Gasparo. Cossa diavolo gh’aveu stamattina?

Tonina. Gnente. (lavorando)

Gasparo. Seu in collera perchè no v’ho desmissià? (scherzando)

Tonina. Mi! no me n’importa ne bezzo, nè bagattin6.

Gasparo. Cossa gh’aveu donca?

Tonina. Andeve a divertir, e lasseme qua.

Gasparo. Ve dirò, se me lasserò dir. Xe debotto7 un mese che

  1. Nell’ed. Zatta ora è stampato dismissià e ora desmissià. Desmissiar, svegliare: vol. II, 616; XII. 121; XIII, 371 ecc.
  2. Mariuolo, baroncello: Boerio.
  3. Canapa.
  4. Qui significa come.
  5. Spicciatevi: vol. XII, 123 e XIII, 299 e 306.
  6. Un bel nulla: v. Boerio e vol. VII, 154.
  7. Quasi: v. Boerio.