Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/405

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Tonina. Cossa xelo quel libro ?

Gasparo. E1 lunario.

Tonina. Cossa segneu ?

Gasparo. E1 primo zomo che ave fatto a mio modo.

Riosa. (Colla veste ed il zendale della patrona) La toga la vesta e el zendà. (a Tonino)

Tonina. De qua. (prende con dispetto) Via, siora, agiuteme. (a Riosa)

Riosa. De diana ! Cossa gh’ala con mi ? (/’ aiuta)

Gasparo. Tonina. (amorosamente)

Tonina. Cosa gh’ è ? (brusca)

Gasparo. Via, siè bona, fia mia. (amorosamente)

Tonina. Se poderave saver per cossa che stamattina me volè ficcar da mia mare ?

Gasparo. No ve l’ogio ditte le rason ?

Tonina. No se podeva mo aspettar a doman? (vestendosi si agita,) perchè il zendale non va bene.

Gasparo. Vedeu, fia mia, za che ancuo vado a disnar da mio compare, vu andè da vostra siora mare, e cussi se sparagna un disnar ; ah Riosa, cossa distu ?

Riosa. Mi digo ch’el gh’ ha rason.

Tonina. Animo, animo, siora, andève a vestir, che vegnirè con mi. (a Riosa)

Riosa. Oh mi, siora, fazzo presto. (No gh’ho miga bisogno del com-) passo mi per veder se el becco del zendà xe alla mezzaria (’)). (burlandosi di Tonina, e parte)

Tonina. Sè deventà (^^ ben economo, sior Gasparo. Una volta) no geri miga cussi.

Gasparo. Una volta, co giera da maridar, giera un’altra cossa. Adesso penso a casa mia, penso a mia muggier, e penso a quello che poi vegnir. Me podeu condannar per questo ?

Tonina. Per questo no ve condanno, ma no vorria che tegnissi per la spina, e che spandessi per el cocon (a). (a) ’Proverbio, che significa aver economia per le piccole cose, e gettar via per le grandi. Coccon è il grosso turacciolo della botte. (I) Nel mezzo. (2) Ed. Zalla : dicenlà.