Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/412

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



presto, scambiemola. (mette la sua sul tavolino) Ma per andar a casa da mi, che no gh’ è nissun ! Eh, co gh’ ho questa, vegnirò a tor quell’altra, (mette via la chiave di Gasparo) Oh, se la me va ben, l’ ha da esser el più bel spasso del mondo. Velo qua l’amigo.

SCENA XI.

Gasparo e detto.

Gasparo. No gh’è rimedio, ve l’ho dito, no gh’è rimedio. Sior Bernardin ch’el me manda a chiamar.

Lissandro. Perchè no gh’aveu fatto dir che ancuo el ve despensa?

Gasparo. Eh no, caro vu, che gh’ ho promesso d’ andar, e pò xe tardi ; adesso come voleu che fazza a ordenar un disnar ?

Lissandro. Per tardi no xe tardi ; ghe xe un’osteria qua taccada (a).

Gasparo. Se xe disnov’ore sonae.

Lissandro. Disnov’ ore ! M’ impegno che no le xe gnancora disdotto.

Gasparo. Me lo voleu dir a mi, che le ho sentie a sonar.

Lissandro. Me lo voleu dir a mi, che gh’ho la bocca della verità? (cerca l’orologio)

Gasparo. Coss’ è ? Aveu perso el relogio ?

Lissandro. La sarave ben bella! El me costa vinti zecchini, (cerca)

Gasparo. Lo gh’avevi stamattina?

Lissandro. Me par... Aspettè, aspettè, adesso che me arecordo... Sì ben ; l’ ho lassa tacca alla testiera del letto.

Gasparo. Andèlo a tor, andè là.

Lissandro. No posso, se ho da andar da sior Raimondo. (Sia) maledetto ! se podesse aver la mia chiave). (da sè)

Gasparo. Via donca, andè da sior Raimondo.

Lissandro. Mo adesso : par che me cazze via. (si accosta al tavolino) (a) Vicina.