Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/412

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
406 ATTO PRIMO


presto, scambiemola. (mette la sua sul tavolino) Ma per andar a casa da mi, che no gh’è nissun! Eh, co gh’ho questa, vegnirò a tor quell’altra. (mette via la chiave di Gasparo) Oh, se la me va ben, l’ha da esser el più bel spasso del mondo. Velo qua l’amigo.

SCENA XI.
Gasparo e detto.

Gasparo. No gh’è rimedio, ve l’ho dito, no gh’è rimedio. Sior Bernardin ch’el me manda a chiamar.

Lissandro. Perchè no gh’aveu fatto dir che ancuo el ve despensa?

Gasparo. Eh no, caro vu, che gh’ho promesso d’andar, e po xe tardi; adesso come voleu che fazza a ordenar un disnar?

Lissandro. Per tardi no xe tardi; ghe xe un’osteria qua taccadaa.

Gasparo. Se xe disnov’ore sonae.

Lissandro. Disnov’ore! M’impegno che no le xe gnancora disdotto.

Gasparo. Me lo voleu dir a mi, che le ho sentie a sonar.

Lissandro. Me lo voleu dir a mi, che gh’ho la bocca della verità? (cerca l’orologio)

Gasparo. Coss’è? Aveu perso el relogio?

Lissandro. La sarave ben bella! El me costa vinti zecchini. (cerca)

Gasparo. Lo gh’avevi stamattina?

Lissandro. Me par... Aspettè, aspettè, adesso che me arecordo... Sì ben; l’ho lassà taccà alla testiera del letto.

Gasparo. Andèlo a tor, andè là.

Lissandro. No posso, se ho da andar da sior Raimondo. (Sia maledetto! se podesse aver la mia chiave). (da sè)

Gasparo. Via donca, andè da sior Raimondo.

Lissandro. Mo adesso: par che me cazzè via. (si accosta al tavolino)

  1. Vicina.