Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/413

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Gasparo. Xe che mio compare me spetta.

Lissandro. Andeu per de là o per de qua ? (tenia di levar la chiave)

Gasparo. Vu per de là, e mi per de qua.

Lissandro. (Pazienzia. Vegnirò a torla col sarà andà via). Sior Gaspero, a rivederse. (andando per partire)

Gasparo. Me despiase che ancuo no posso goder sta bella com- pagnia.

Lissandro. Un’altra volta.

Gasparo. Sior sì, un’altra volta.

Lissandro. (Se me riesse... a Rialto voi che ghe demo la batta-) rella (a). (parte)

SCENA XII.

Gasparo solo.

Me despiase per sior Raimondo. In verità, el me voleva far sto onor, ghe son obbliga. Ma col saverà che giera impegna per un interesse che me poi portar del profitto, son seguro che anzi el gh averà a caro, e el me loderà. Ch’ el diga quel che el voi Lissandro, le mie scuse le voggio far. Oh an- demo. Mio compare me manda a chiamar ; bisogna che i voggia scomenzar a bonora a parlar. Gh’ ho gusto, cussi an- derò più presto a levar Tonina. Gh’ ogio la mia chiave in scarsella ? Sì ben. Ma n’ importa, xe meggio che toga anca questa za ghe la gh’è; delle volte se ghe ne poi perder una. (prende la chiave e la mette via senza guardarla) Me despiase de sior Raimondo. Ma lo pregherò de vegnirme un dì a favorir. Xe meggio che vaga per de qua, che la scurto. Vorria squasi serrar colle chiave : eh no ; za vegnirò avanti sera. (parte, e serra) (a) ì^uol dire, se mi riesce di corbellarlo, lo vuò far sapere agli amici che frequentano Rialto, e lo voglio far scorbacchiare.