Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/414

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
408 ATTO PRIMO

SCENA XIII.
Lissandro solo, poi il suo Garzone.

Lissandro. (Apre la porla pian piano colla chiave, ed entra) Ghe n’ha voleste avanti ch’el vaga via. Me son giazzà1 su quella porta quel che sta ben2. Vorave che vegnisse sto mio garzon. Me preme de mandar a casa a tor el relogio. Cossa diavolo falo? L’osteria xe tanto taccada. Ma dove xe la mia chiave? (cercando sul tavolino e per terra) Dove diavolo alo ficcà la mia chiave! Ch’el l’abbia portada via! No crederave mai.

Garzone. Sior patron. (sulla porta con timore)

Lissandro. Vien avanti, che no gh’è nissun.

Garzone. L’osto xe avisà, e el vien elo in persona.

Lissandro. Gh’astu dito da sior Gasparo3?

Garzone. Sior sì, da sior Gasparo.

Lissandro. Gh’astu parlà de mi?

Garzone. Mi no, gnente.

Lissandro. Vorria che ti andassi... Aspetta, caro ti, che no trovo sta maledetta chiave. Bisogna seguro che senza abbadar, el l’abbia portada via. Pazienza4. Bisognerà sta sera che fazza averzer da un favro, e che domattina fazza muar5 la serradura.

Garzone. Comandela altro?

Lissandro. Aspetta.

Garzone. Vedo l’osto che vien su de la scala.

Lissandro. Va là, va in cusina, fa del fogo, e impizza el fogo in tinelloa.

Garzone. No son miga pratico de sta casa.

Lissandro. Va drento de quella porta. (accenna la porta di fondo) e ti troverà tutto.

  1. Tinello: stanza dove si mangia.
  1. Agghiacciato.
  2. Ben bene, assai: vol. VIII, 150, n. I. Manca tale espressione nel dizionario del Boerio.
  3. In questa scena e nella seguente l’ed. Zatta dice Gaspero, ma in ogni altro luogo della commedia è stampato sempre Gasparo.
  4. Così in questo luogo il testo dello Zatta; più comunemente pazienzia.
  5. Mutare.