Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/418

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
412 ATTO PRIMO

Oste. Bravo! La gh’ha rason. Ma no la sa che gh’ho do cusine, do capi cuoghi, do caneve, e do botteghe? Mi ghe darò da disnar, se la vuol, scomenzando da diese soldi a testa, fina a diese zecchini, se la comanda.

Lissandro. Sior sì, ho capio tutto. Ma aspettè, caro vecchio... (vorave farghela portar a sta caia de sior Gasparo, ma no voria mo gnanca rovinarlo). (da sè) Disème, sior paron Menego, appresso a poco quanto ne fareu spender in sto nostro disnar?

Oste. El vin se lo porteli lori?

Lissandro. Vu ave da metter tutto. Pan, vin, frutti, biancheria, possade, piatti, tutto quel che bisogna.

Oste. Anca i piatti da tovaggiol?

Lissandro. No so, per quelli no credo; ve saverò dir (anderò a veder se ghe xe el bisogno in cusina). (da sè)

Oste. La senta, co la vol un disnar da par soo, con tutto quel che s’ha dito, manco de do zecchini a testa mi no la posso servir.

Lissandro. No, amigo, mio fradello sta spesa nol la vol far; un zecchin a testa, e gnanca un bezzo de più. (Per sie o sette zecchini, la se ghe pol far portar). (da sè)

Oste. Mi le servirò a quel prezzo che le comanda; za le tartuffole con sti sirocchi le xe patìe.

Lissandro. N’importa, faremo de manco.

Oste. Le ostreghe chi le ghe piase, e chi no le ghe piase.

Lissandro. Xe vero.

Oste. Mezza gallinazza per omo, le gh’ha da magnar quanto che le voli.

Lissandro. No andè avanti altro, compare; fermeve là.

Oste. Sarà difficile che a st’ora trovemo dei lattesini.

Lissandro. Oh compare, compare, no me deè in te la gola; no me tocchè i lattesini.

Oste. Vorle spender un zecchin a testa?

Lissandro. Sior sì, ma ben lo volemo spender.

Oste. La lassa far a mi, che ghe lo farò spender ben. (comincia a partire)