Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



mi a credeva ch’ an’ i fuss nissun, e a poc a la volta, a du, a tri, a quatter s’ ha imperni la cà, e i ha fatt una festa da bai.

Cattina. Oh la varda che gran cosse ! no gh’ ho m2Ù un fià (a) de divertimento.

Raimondo. E chi eni sta zent, ch’ha da vgnirO a disnar? (aLissandro)

Lissandro. No la se indubita gnente. Tutta zente propria, civil ; tutti mario e muggier. La vederà do zoveni tutti do maridai, e i vegnirà tutti do colle so muggier.

Raimondo. Oh quand l’è cussi, a n’i è mal.

Cattina. Mo una gran cossa de elo che el voi sempre pensar al mal. (a Raimondo)

Raimondo. Eh fraschetta veh ! At cgnoss.

Cattina. (El me fa una rabbia !) (da sè)

Raimondo. E chi eni mo ? Se poi saver ? (a Lissandro)

Lissandro. Do mercanti de rango, de considerazion. La vede ben : sior Gasparo fa el senser...

Raimondo. Eh sior Gaspar, el so mi, l’è un om de giudizi, el fa ben i fatt so. Cossa ghe disni (i) a sti do mercanti ?

Lissandro. Uno xe un certo sior Zanetto Bigolini...

Raimondo. Quel matt !

Lissandro. El xe matto, ma el gh’ ha dei bezzi, e del credito, e dei magazzeni.

Cattina. Quel scempio xe maridà? (a Lissandro)

Lissandro. La vederà so muggier. (a Cattino)

Cattina. Oh che te pustu (t)! Ghi mai xela quella matta che r ha tolto ?

Lissandro. Per i bezzi, fia mia, per i bezzi.

Cattina. (Vardè che sporco (-) ! e giersera el me vegniva a far el grazioso ! Manco mal ch’el me fava stomcgo, e che no gh ho bada). (da sè) (a) Un poco. (b) Cossa disni, cioè come si chiamano. (e) Maniera ha’sa, che significa ammirazione, come se si dicesse : Oh che ti possa romper il collo, e cose simili. (I) Eld. Zatta : zente e vegnir. (2) Qui significa poco di l^uono, insolente, temerario: V. Boerio.