Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 419


mi a credeva ch’an’i fuss nissun, e a poc a la volta, a du, a trì, a quatter s’ha impenii la cà, e i ha fatt una festa da bal.

Cattina. Oh la varda che gran cosse! no gh’ho mai un fiàa de divertimento.

Raimondo. E chi eni sta zent, ch’ha da vgnir1 a disnar? (a Lissandro)

Lissandro. No la se indubita gnente. Tutta zente propria, civil; tutti mario e muggier. La vederà do zoveni tutti do maridai, e i vegnirà tutti do colle so muggier.

Raimondo. Oh quand l’è cussì, a n’i è mal.

Cattina. Mo una gran cossa de elo che el vol sempre pensar al mal. (a Raimondo)

Raimondo. Eh fraschetta veh! At cgnoss.

Cattina. (El me fa una rabbia!) (da sè)

Raimondo. E chi eni mo? Se pol saver? (a Lissandro)

Lissandro. Do mercanti de rango, de considerazion. La vede ben: sior Gasparo fa el senser...

Raimondo. Eh sior Gaspar, el so mi, l’è un om de giudizi, el fa ben i fatt so. Cossa ghe disnib a sti do mercanti?

Lissandro. Uno xe un certo sior Zanetto Bigolini...

Raimondo. Quel matt!

Lissandro. El xe matto, ma el gh’ha dei bezzi, e del credito, e dei magazzeni.

Cattina. Quel scempio xe maridà? (a Lissandro)

Lissandro. La vederà so muggier. (a Cattino)

Cattina. Oh che te pustuc! Chi mai xela quella matta che l’ha tolto?

Lissandro. Per i bezzi, fia mia, per i bezzi.

Cattina. (Vardè che sporco2! e giersera el me vegniva a far el grazioso! Manco mal ch’el me fava stomego, e che no gh’ho badà). (da sè)

  1. Un poco.
  2. Cossa disni, cioè come si chiamano.
  3. Maniera bassa, che significa ammirazione, come se si dicesse: Oh che ti possa romper il collo, e cose simili.
  1. Ed. Zatta: zente e vegnir.
  2. Qui significa poco di buono, insolente, temerario: V. Boerio.