Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/429

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 423


Bortolo. La xe una fortuna per mi questa, d’aver l’onor de disnar con ela, e co la degnissima so siora fia. (addrizzandosi a Cattino)

Cattina. (Poco de bon! malignazo1 quando che l’ho cognossù!) (da sè)

Raimondo. Vi la mi fiola. Agradì, respondÌ con un poc di bona grazia. (a Cattina)

Cattina. L’ho saludà, ho fatto el mio debito; la sa che mi no so far cerimonie.

Bortolo. (Sia maledetto! ghe scometto che la crede che sia maridà). (da sè)

Raimondo. Eia lìa la consort del sior Bortel? (a Cecilia)

Cecilia. Per servirla.

Raimondo. E st’altra sgnoura3? (verso Lucietta)

Cecilia. St’altra signora... (forzandosi per non ridere) la xe la consorte de sior Zanetto.

Zanetto. (Ci patisce.)

Raimondo. Me consol infinitament d’aver l’unor de cognosserla. (a Lucietta)

Lucietta. Grazie tanto, sior. (si vede ch’è impicciata)

Cecilia. Bracket left 2.png (Ridono piano tra di loro.
Bortolo.

Raimondo. Me ne ralligr con lì, sgnor Zanett, dla4 bona scelta.

Zanetto. Eh sior sì... Ma... grazie. (a Raimondo) No la creda gnente. (piano a Cattina)

Cattina. (Cossa diavolo diselo? mi nol capisso). (da sè)

Raimondo. (Am d’avisb che la mujier5 e el mari se someggia). (da sè, ridendo) L’am fazza grazia. El mo un pezzo che l’è maridà? (a Lucietta)

Lucietta. Mi, sior? (imbarazzata)

Cecilia. Via, siora Gasparina... (a Lucietta)

  1. Ella2.
  2. Mi pare.
  1. Interiezione che significa sia maledetto ecc.
  2. Vale a dire: è lei (è ella)? ecc. Ma in fine ho messo il punto interrogativo in vece dell’esclamativo che si trova nello Zatta, per un errore abbastanza frequente. Il Cameroni, men bene, a parer mio, conserva l'esclamativo, e interpreta eccola lì.
  3. Zatta: signoura.
  4. Nell’ed. Zitta: de la.
  5. Zatta: muggier.