Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
428 ATTO SECONDO

Cecilia. Là, siora Cattina.

Cattina. (Siede vicino a Bortolo.)

Zanetto. E mi qua. (siede vicino a Cattina)

Cecilia. Sì ben, e vu là. (a Zanella)

Zanetto. E mi qua. (fa un poco il pazzo)

Cecilia. Dove xeli sti altri?

Bortolo. Veli qua che i vien. (comincia a distribuir la minestra)

Raimondo. (Me faravla una grazia?) (a Cecilia, piano)

Cecilia. (La comandi pur). (piano)

Raimondo. (L’è tant matt quel sior Zanett; siv content de lassar che mi fiola vegna qui, e lì andar dall’altra banda de so mari?) (piano)

Cecilia. (Sior sì, volentiera). (si alza e va da Cattino, e le parla all’orecchio.)

Cattina. (In verità, gh’ho da caro). (a Cecilia, e si alza; va tra Raimondo e Bortolo.)

Zanetto. Dove vala? (si alza)

Cecilia. E vu qua, e vu qua, fermeve qua. (a Zanetto, tenendolo e caricandolo) Animo, ve destrigheu? (alla scena)

Lissandro. Semo qua, semo qua anca nu. (Cossa che gh’ha voleste a farla vegnir!) (da sè)

Cecilia. Anemo, siora Dorotea: arente a vostro mario. (a Lucietta)

Lucietta. (Oh adesso mo Dorotea!) (da sè)

Cecilia. E là sior Lissandro.

Lissandro. Siora sì. (siede infondo, dalla parte della seconda donna) Via, siora Dorotea, la se senta. (a Cecilia)

Lucietta. Oh m’avè debotto stuffà. (a Lissandro)

Cecilia. Via, cossa fala? (a Lucietta)

Lucietta. M’ogio da sentar? (a Cecilia)

Cecilia. Cossa vorla? Magnar in pie?

Lucietta. Sia malignazo! (vuol sedere, ed è imbrogliata)

Zanetto. (Non vorrebbe vicino Lucietta, guarda Cattina, ci patisce, e vorrebbe alzarsi.)

Cecilia. Fermeve qua, ve digo.

Zanetto. (Oh poveretto mi!) (da sè)

Lucietta. (Siede, e sta lontana dalla tavola in maniera che tiene il piatto metà in maro e metà sulla tavola.)