Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/435

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cecilia. Cossa diavolo feu, Lucietta ? Feve avanti, che spandere el piatto e ve macchierè la roba.

Lucietta. (Sì tira manzi.)

Raimondo. Sgnora Cecilia.

Cecilia. Sior.

Raimondo. Quanti nomi ala quella sgnora ?

Cecilia. No so gnanca mi. Semo amighe, glie digo quel che me vien in bocca.

Zanetto. (Sior Lissandro). (piano, avanzandosi davanti Lucietta, e) Lucietta lo spinge.

Lissandro. (Sior). (piano)

Zanetto. (M’avè tradio). (come sopra, e Lucietta lo spinge)

Lissandro. (Per cossa ?)

Zanetto. (Songio arente de siora Cattina ?) (come sopra)

Lucietta. La vorla fenir una volta ? (spingendolo) Z ANETTO. Eh, lassème star. (contro Lucietta)

Raimondo. Coss’è ste tananai O?

Cecilia. Via, sior, porte respetto a vostra muggier. (a Zanetto)

Zanetto. (Pazenzia. El finirà sto disnar). (da sè)

Raimondo. (L’ è matt. A l’ ho semper ditt. Ho fatt ben mi a) allontanar el da mi fiola). (da sè, mangiando)

Bortolo. (T)à la carta con le buccole a Cattina. Ella Vorrebbe vedere cos’ è, ma ha soggezion di suo padre) (Oe). (piano a Cecilia)

Cecilia. (Cossa gh’è ?) (piano)

Bortolo. (Gh’ ho dà le buccole).

Cecilia. (L’ala tolte?)

Bortolo. (No voleu ?)

Cecilia. (Me ne consolo).

Raimondo. Almanc el sior Bortel l’ è un zoven savi e prudent ; as ved ch’ai gh voi ben a so muier ; siel benedelt !

Cecilia. Coss’ è, sior Lissandro, no disè gnente ? Paremo morti.

Lissandro. Fin adesso gh’ ho abuo da far. Adessadesso me metterò in vena. Deme da bever. (gli portano da bere) Signori, (I) Trambusto, schiamazzo, confusione.