Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/436

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



se i me permette, el primo brindese O... alla salute de sior Gasparo.

Tutti. Evviva. (tutti prendono da bere)

Raimondo. Evviva el sior Gasper. Ma la va longa sta età (a). Noi vien mai ?

Lissandro. Adessadesso el vegnirà.

Cecilia. E mi alla salute de siora Tonina.

Tutti. Evviva.

Lucietta. (Col gotto in mano vorrebbe becere, e non sa come fare; va) menando il gotto, poi si alza e dice) Oh, alla SO bona conservazion. (beve)

Tutti. Evviva. (ridendo)

Lucietta. (Quando ha bevuto, scola il gotto in terra.)

Cecilia. Oe l’abito, in malora. (Jorte a Lucietta)

Cattina. (Curiosa guarda le buccole sotto la tavola.)

Raimondo. Coss’ è quel negozj ? (a Caltina)

Cattina. Eh gnente.

Raimondo. A j ò vist a luser.

Cattina. Le mie buccole che ho rotto giersera. (mette in saccoccia)

Raimondo. Demle a mi, che av le farò accomodar.

Cattina. Oh giusto.

Raimondo. Demle a mi, ve digh.

Cattina. Ghe le darò.

Cecilia. (Vedeu ?) (urlando Bortolo)

Bortolo. (Sì vede agitato.)

Lissandro. Gossa gh’ala ? De le buccole da far comodar ? (a Cattina)

Cattina. Sior sì ; gh’ ho rotto el ganzo (^) giersera.

Lissandro. (Si alza e va da Cattina) La me le daga a mi, che el xe el mio mestier.

Cattina. Sior sì, tolè : eh, ehm. (tosse)

Lissandro. (Ho capio). (da se) Eh gnente, ho visto. Domattina ghe le porterò comodae. (gucrda e mette via, e torna al posto) (a) Ctà, termine stretto bolognese, e significa questa istoria, questa faccenda. (i) Nel lesto dello Zalta è slamp.Tlo bTÌnJesi. (2) GaDcio, uncino: PilriaicKi e Boerio.