Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/437

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Raimondo. A lu sì, e a mi no ? (a Cattino, con un poco di sdegno)

Cattina. Sior sì, perchè sior Lissandro xe bravo, el comoda le cosse pulito, (’) e lu el le averave tutte precipitae. (a Raimondo)

Cecilia. Brava, brava, pulito, (a Cattino) E vu cossa feu qua in- canta co fa un pandolo ? (^) (a Zanetto) Z ANETTO. Voggio andar via.

Cecilia. Per cossa !

Zanetto. No gh’ho più fame. Voggio andar via.

Cecilia. Se no gh’avè più fame vu, gh’ ha fame vostra muggier.

Zanetto. Cossa m importa a mi de eia ? (disprezzandola)

Lucietta. E gnanca mi de vu, sior ? (colla bocca piena)

Cecilia. Oe, la ve voi tanto ben, che la se soffega.

Raimondo. (Oh, oh, che matrimoni, oh oh). (da sè, ridendo)

Lissandro. Qua nissun magna altro. Oe, porte via ; anemo, alla seconda portada. (Seroitori levano e rimettono i piatti)

Raimondo. Sior Lissander.

Lissandro. Signor.

Raimondo. Mi a nem poss più tegnir.

Lissandro. De cossa?

Raimondo. Sto sior Gasper, sta siora Tonina ?

Lissandro. Mi no so cossa dir. La me par una stravaganza anca a mi.

Raimondo. Ch’agh sia intravegnù qualcossa?

Lissandro. Mi no crederia.

Raimondo. Mandem a veder da qualchèdun.

Lissandro. Adesso manderò el mio garzon. Dov’estu ? Menego. (Menego sarà dentro per portar via i piatti, e Lissandro oo dentro a) parlargli.

Bortolo. (Distribuisce i piatti della seconda portata.)

Cattina. (Che belle buccole !) (piano a Bortolo)

Bortolo. (Che piasele ?) (a Cattino, piano)

Cattina. (Sior sì). (piano)

Raimondo. Cossa ?

Cattina. De che?

Raimondo. Cossa disel s’av pias ? (1) Per bene, (2) Come un minchione, un balordo: Boerìo.