Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/439

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



No de ella, che me scoffona (a), (a Cecilia, con rabbia) No de ella, che no me voi per gnente. (a Canina, patetico) Alla salute... de mia muggier.

Tutti. Bravo, bravo, evviva.

Lissandro. Comandele altro ? No. Tire via, e porte el deser. (Si alza, i Servilori eseguiscono, Lissandro parla piano col Garzone)

Lissandro. Sèntele ! El garzon xe torna, i conta bezzi, i xe in tei calor del negozio, i ghe domanda mille perdoni, ma per ancuo i dise cussi che no i poi vegnir : xe la verità, Menego ?

Garzone. Sior sì, tal e qual.

Raimondo. Oh l’am despias pò ben. S’ a saveva csi (i) a n’ i vegniva miga, vdì.

Lissandro. Cossa vorla far ? I xe casi che nasce.

Lucietta. Siora, vorla che impizza el fogo ?

Lissandro. Coss’ è ? S’ insoniela ? (a Lucietta)

Lucietta. Sior sì, m’ insuniava.

SCENA Vili.

// Giovine del caffè con cogome e chicchere, e detti.

Lissandro. Oh, xe qua el caffè. Lo vorle bever a tola ? (si alza)

Cecilia. Per mi son stracca de star sentada. Lo voggio bever m pie. (5/ alza, e tutti si alzano)

Raimondo. (Tira avanti la sua sedia e lo beve a sedere.)

Lissandro. Putti, desparecchiè. Mette tutto in quella credenza, piatti, possade, biancheria ; mette tutto là, che pò’ li vegnirè a tor. E ti fa quel che t’ ho dito ; sta attento se mai da una banda o dall’ altra ti vedessi a vegnir sior Gasparo, e se ti lo vedi da lontan, avviseme. (piano al Garzone)

Garzone. Sior sì, no la se indubita gnente. (parte)

Lissandro. I ha da far tre o quattro viazi ; no voria che i incon- trasse sior Gasparo sulle scale, (/ Servitori sparecchiano, mettono tutto nella credenza, levano le tavole,) poi partono. (a) Scoffonare, cioè burlan. (b) Csi, così, g g