Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/442

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
436 ATTO SECONDO

Bortolo. Mi? V’ingannè, compare...

Zanetto. E per farme smattar1, i me va a far passar per mario de quella martuffa2(accennando Lucietta)

Lucietta. Come parlelo, sior! Vare che sesti3, ancora che me lasso vestir da Franceschinaa per vegnir qua a batterghe l’azzalin...b

Zanetto. A mi batterme l’azzalin?

Bortolo. Sior sì. Ella da una banda, e mi dall’altra. E se ho parlà a quella putta, gh’ho parlà per vu.

Zanetto. Per mi? (tutto allegro)

Cecilia. Sior sì, per vu; el so anca mi.

Zanetto. Per mi? Conteme, conteme. (a Bortolo)

Bortolo. Andemo, che ve conterò.

Garzone. (Sior patron. Ho visto sior Gasparo e siora Tonina). (piano a Lissandro)

Lissandro. (I vien?)

Garzone. (I vien).

Lissandro. (Da che banda?)

Garzone. (Dalla fondamenta).

Lissandro. (Anderemo via per la corte. Xeli lontan?) (al Garzone)

Garzone. (I ho visti a spontar sull’altra fondamenta de là dal rio).

Lissandro. (Presto, presto, va via). (al Garzone che parte) Patroni, se le voil andar, anca mi bisogna che vaga, e che serra la casa.

Cecilia. Andemo. (vuol andar dalla parte diritta)

Lissandro. No, andemo per de qua. Ghe xe un’altra scala, e la so barca l’ho fatta vegnir alla riva della corte che xe più comoda. La resta servida con mi.

Cecilia. Andemo. (prende per mano Bortolo) Via, deghe man a la vostra cara muggier. (a Zanetto ridendo, e via)

Zanetto. Son qua, dolcissimo mio tesoro. (a Lucietta)

Lucietta. Che el senta. Mi no valo gnente, ma per diana de dia4, no me scambiarave. (partono)

  1. Da bamboccia.
  2. Per tener mano a’ suoi disegni.
  1. Vedi sec. 5. atto I. p. 392.
  2. "Sciocca" spiega Goldoni, voi. XVIII, p. 333, n. a (v. pure vol. II, p. 486, n. a ecc.).
  3. Guardate che bei modi, che bel garbo: V. Patriarchi e Boerio.
  4. Esclamazione frequente, a modo di giuramento, come se si dicesse in fede di Dio: v, Patriarchi e Boerio (e Goldoni stesso, vol. VIII, 115, n. c e 156, n. c).