Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/442

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Bortolo. Mi ? V inganna, compare...

Zanetto. e per farme smattar ’’\ i me va a far passar per mario de quella martuffa ^^\ (accennando Lucietta)

Lucietta. Come parlelo, sior ! Vare che sesti ^^\ ancora che me lasso vestir da Franceschina (a) per vegnir qua a batterghe l’azzalin... (4)

Zanetto. A mi batterme l’azzalin ?

Bortolo. Sior sì. Ella da una banda, e mi dall’altra. E se ho parla a quella putta, gh’ ho parla per vu.

Zanetto. Per mi ? (tutio allegro)

Cecilia. Sior sì, per vu ; el so anca mi.

Zanetto. Per mi ? Conteme, conteme. (a Bortolo)

Bortolo. Andemo, che ve conterò.

Garzone. (Sior patron. Ho visto sior Gasparo e siora Tonina). (piano a Lissnnaro)

Lissandro. (I vien?)

Garzone. (I vien).

Lissandro. (Da che banda ?)

Garzone. (Dalla fondamenta).

Lissandro. (Anderemo via per la corte. Xeli lontan ?) (al Qarzone)

Garzone. (I ho visti a spontar sull’altra fondamenta de là dal rio).

Lissandro. (Presto, presto, va via), (al Garzone che parte) Patroni, se le voi andar, anca mi bisogna che vaga, e che serra la casa.

Cecilia. Andemo. (vuol andar dalla parte diritta)

Lissandro. No, andemo per de qua. Ghe xe un’altra scala, e la so barca l’ ho fatta vegnir alla riva della corte che xe più comoda. La resta servida con mi.

Cecilia. Andemo. (prende per mano Bortolo) Via, deghe man a la vostra cara muggier. (a Zanetto ridendo, e via)

Zanetto. Son qua, dolcissimo mio tesoro. (a Lucietta)

Lucietta. Che el senta. Mi no vaio gnente, ma per diana de dia ^^\ no me scambiarave. (partono) a) Da bamhoccia. (h) Per tener mano a’ suoi disegni. (1) Vedi se. 5. allo I. p. 392. ^2) "Sciocca" spiega Goldoni, voi. XVIII, p. 333, n. a (v. pure voi. II, p. 486, n. a ecc.). (3) Guardale che bei modi, che bel garbo: V. Patriarchi e Boerio. (4) Esclamazione frequente, a modo di giuramento, come se si dicesse in fede di Dio : v, Paliiarchi e Boerio (e Goldoni stesso, voi. Vili, 115, n, e e 156, n, e).