Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/444

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search


Riosa. Sior sì, la daga qua. (Porlo esser più bon de quel che el) xe ? La tira i tonfi (a) tre mia lontan). (prende il tabarro e parte)

Tonina. E cussi ? Cossa xe ste rason ?

Gasparo. Aspettè, deme tempo. Sappiè che stamattina, dopo che vu se partia, xe vegnù un amigo a dirme che sior Raimondo e siora Cattina i voleva vegnir stamattina a farme una burla.

Tonina. Una burla ? (con maraviglia e piacere)

Gasparo. Sì; che all’improvviso i voleva vegnir a disnar da nu.

Tonina. E perchè no xeli vegnui ? (con premura)

Gasparo. Vede ben ; mi giera impegna fora de casa...

Tonina. No ghe gierio mi ? (con forza)

Gasparo. Vu gieri andada da vostra mare...

Tonina. No me podevi mandar a chiamar ? (come sopra)

Gasparo. A quell’ ora cossa ghe volevi parecchiar da disnar ?

Tonina. E li ave rifudai ?

Gasparo. Gh’ ho dito all’amigo la verità, e l’amigo li xe andai a avertir.

Tonina. Ande là, che ave fatto una bella cossa.

Gasparo. Cossa volevi che fasse ?

Tonina. Persone che gh’ avemo tutta l’ obligazion...

Gasparo. Ma giusto per questo...

Tonina. Che se gh’ avemo bisogno de mile o domile ducati da negoziar, i xe capaci d’ imprestameli senza un interesse a sto mondo.

Gasparo. Carneval no xe gnancora fenio.

Tonina. Mi no gh’ ho più muso da farme veder. Riosa. (chiama)

Riosa. Siora. (Oh cossa che ho visto !) (da sè, maravigliandosi assai)

Gasparo. E per questo vói che domattina andè a domandarghe scusa da parte mia.

Tonina. Mi ? No ghe vago gnanca se i me strascina co le caene. (si cava il zendale, e lo dà a Riosa)

Riosa. (Oh che cusina che ghe xe de là ! Oh che diavolezzi !) (da sè) (a) Tonfi, lo stesso che pugni, e Vuol dire che eccita suo marito a batterla.