Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/450

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
444 ATTO SECONDO


Son morta, la xe fenia, no gh’è più remedio per mi, no gh’è più remedio per mi. (disperata)

Gasparo. Mo via, cara fia, ho dito mal...

Tonina. Sassin della to povera muggier, traditor del mio povero cuor.

Gasparo. Mo via, digo...

Tonina. Lasseme star, lasseme star!.. che farò qualche bestialità. (parte)

Gasparo. Da una banda la gh’ha mo anca rason. Bestia che son mi, andarghe a dir che l’averà ella scambià la chiave1.

Oste. Servitor umilissimo. (con muso duro)

Gasparo. Patron reverito. (con sdegno)

Oste. La me favorissa sette dei so zecchini.

Gasparo. Ma se ve digo cussì...

Oste. La senta, son galantomo; se no la li gh’ha, n’importa, aspetterò. Basta che la prometta de darmeli; aspetterò.

Gasparo. Ve torno a dir che mi no v’ho da dar gnente.

Oste. Co l’è cussì, co la me nega el debito, la farò chiamar dove se convien: andemo. (ai Giovani)

Gasparo. Sentì, fermeve. Un omo della mia sorte, farme chiamar? Con che fondamento me fareu chiamar?

Oste. Ghe disela poco fondamento aver trova la mia roba in te la so credenza, in tel so tinello? E ancora negarme la mia arzentaria?

Gasparo. Zitto, amigo, no fe altro strepito. No so gnente... ma gh’avè rason.

Oste. No la sa gnente?

Gasparo. No so gnente... Ma ve pagherò.

Oste. Me basta cussì; quando me pagherala?

Gasparo. Doman sarè sodisfà, ma feme almanco un servizio. Chi xe quella persona che xe passada per mio fradelo?

Oste. Mi no lo cognosso; el m’ha fatto vegnir qua, avemo contrattà in sta casa, ho mandà el disnar in sta casa. Mi no so altro più de cussì.

  1. Il Cameroni, ed. citata, stampa anche qui le chiave; ma si prende ben altre libertà col testo goldoniano.