Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/451

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Gasparo. Ma come gierelo sto mio fradelo ? Grando, piccolo, grasso, magro, come gierelo vestio ?

Oste. No so, no m’ arecordo ben. Grando no certo ; gnanca tanto piccolo. Me par magretto... So ch’ai gh’ aveva un tabarro de scarlatto, mi no so altro.

Gasparo. (No crederave mai ch’el fusse Lissandro !)

Oste. Me comandela altro ?

Gasparo. La vostra bona grazia. Patron.

Oste. Son ai so comandi, de dì e de notte, co la voi ; e un’altra volta, se no la voi che so consorte lo sappia, la me avvisa per tempo, e la lassa far a mi. (parte coi Garzoni)

SCENA XI.

Gasparo, // Caffettiere, poi Riosa.

Gasparo. Eh vatte a far squartar anca ti. Più che ghe penso, e più gh’ ho sospetto sora Lissandro. Ch’el m’abbia fatto elo sta baronada ? No l’ è baronada, se volemo, ma la xe un’ in- solenza : tanto più che m ha tocca quel siropo de mia muggier.

Caffettiere. Patron, sior Gasparo.

Gasparo. Cossa gh’ è, sior ?

Caffettiere. Son vegnù a incontrar se la pagherà ella quei sette caffè che ho porta qua ancuo.

Gasparo. Mi no so gnente. Chi ve r ha ordenai ?

Caffettiere. So ch’ ella no sa gnente, e son vegnù qua per questo. Me li ha ordenai sior Lissandro.

Gasparo. Gierelo qua Lissandro ?

Caffettiere. Sior sì, no alo disnà qua in compagnia?

Gasparo. (Oh bona ! ho scoverto tutto), (da se) Saveu chi ghe giera qua a disnar ?

Caffettiere. Sior sì, li conosso tutti a un per un. Ghe giera anca una massèra vestia da lustrissima.

Gasparo. Conteme, conteme. Ma no vorria che vegnisse mia muggier. Andemo, ve pagherò, e me contare per strada. (in allo di partire, ed il Caffettiere l’aspetta alla porta)