Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/453

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 447

ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.

Notte illuminata. La prima camera o sia sala in casa di Gasparo, col solito tavolino, sul quale una candela accesa ed una spenta.

Tonina e Riosa.

Tonina. Cara vu, lassarne star. (a Riosa con sdegno, camminando)

Riosa. Mo de diana! cossa gh’alo fatto el patron?

Tonina. Cossa ch’el m’ha fatto ah! So mi cossa ch’el m’ha fatto; ma no l’andera sempre cussì1; no, no, no l’anderà sempre cussì.

Riosa. (In verità stavolta ho paura che la gh’abbia rason). (da sè)

Tonina. Nolgh’ha più nè amor, nè convenienza, nè discrezion.

Riosa. Mo se el ghe vol tanto ben.

  1. Cussì trovasi quasi sempre nelle commedie dialettali del Goldoni; ma qui nel testo dello Zatta si legge cossì.