Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/454

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Tonina. Che el se lo petta O el so ben. Dopo quel ch’ el m’ha fatto, dopo quel ch’el sa che ho scoverto, el me vede fora de mi, el sa che son dove che posso esser, e in vece de scusarse, e de cercar de quietarme, el chiappa su senza dir gnente, e el va via ? Ah !xelo ben questo ? Eh, el xe la so arma ch’el tocca (a).

Riosa. El la vede cussi... Noi s’ averà ossa (b).

Tonina. Siora sì, scuselo. Ho paura che ghe tegnì terzo mi ^^\

Riosa. Cara siora patrona, come parlela ? No xe d’ancuo che la me cognosse. Son una putta da ben, onorata, e no son capace de tegnir terzo a nissun.

Tonina. No la se scalda el figa ^^\ patrona. Chi v’ ha ditto che andè in pressa in pressa ^’^^ a far tante belle faccendine in cusina, che gieri infina suada ^^^ ?

Riosa. Volèvela ^^) che lassasse la cusina intrigada (^) ?

Tonina. E chi r ha intrigada quella cusina ?

Riosa. Cossa vorla che sappia mi ? Me par d’ esser stada tutto el zorno con ella.

Tonina. Cossa soggio mi dove che fussi quando che giera al taolin a lavorar co mia siora mare ?

Riosa. Oh ! che ! xelo un palazzo la so casa ?

Tonina. Sentì che tocco de temeraria, come che la responde?

Riosa. Oh vorla che ghe diga...

Tonina. La diga mo...

Riosa. La me daga la mia bona licenza che anderò via.

Tonina. Oh certo, che per mi la sarà una gran disgrazia !

Riosa. A ella no ghe mancherà serve, e a mi no me mancherà patrone. Manco salario, manco piatanza, e magnar ^®’ quel fià (^) in santa pase.

Tonina. Senti che battola che la gh’ ha ! (e) (a) Frase bassa, come se dicesse, è il suo diavolo che se lo porti, (i) Osato, (e) Che linguaccia ! (1) Se lo tenga per sè: detto con isprezzo. Pelar, attaccare. (2) Questo pronome mi, io, posposto al verbo, è un rinforzativo comunissimo nel dialetto veneto. (3) Fegato. (4) In fretta. (5) Sudata. (6) Zaita : voleva. (7) In disordine. (8) Zatla: mangiar. (9) Quel pochino.