Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/456

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lissandro. (Lo so anca mi che noi gh’ è, e se no l’ avesse) visto fora de casa, per ancuo no ghe sarave vegnù). (da sè, ridendo)

Tonina. Noi ghe xe, sala^’^ sior Gasparo. (con sprezzatura)

Lissandro. Ho inteso. (Se podesse recuperar la mia roba !) (da sè)

Tonina. Se la voi tornar... (con dispetto ed impazienza)

Lissandro. Eh no gh’ ho tanta premura. (Bisogna che in casa) ghe sia baruffe, e gh’ho paura d’esser la causa mi. Da una banda me despiaseria). (da se)

Tonina. E credo che noi vegnirà per adesso, sala? (El me do) vera ve capir). (da se)

Lissandro. Ghe levo l’incomodo, ma... la diga...

Tonina. Mi no me n’ impazzo, la veda, in ti interessi de mio mario.

Lissandro. La me parla in t’ una certa maniera... (Che la sappia) qualcossa de mi ?) (da sè)

Tonina. Con grazia... (vuol andar via)

Lissandro. Vago via, ma la supplico d’una parola.

Tonina. Cossa comandela ? (rustica)

Lissandro. A caso averavela visto certi stucchi, certe scatole con delle buccole, delle fiube ^^\ dei anelli ?

Tonina. Dove?

Lissandro. Qua in casa.

Tonina. Chi r ha portada sta roba ?

Lissandro. Son vegnù per un interesse da sior Gasparo...

Tonina. E ave lassa qua sta roba?

Lissandro. Me r ho desmentegada (^>.)

Tonina. Ho inteso. (affannata)

Lissandro. Coss’ è sta ? (timoroso)

Tonina. Mio mario avara ("’) regala quelle sporche (^^ che ancuo xe) stae qua a disnar. No ve digo gnente. Buccole, anelli, fornimenti ; el vuol andar in malora, el se vuol precipitar elo, e el me vuol precipitar anca mi. (I) Voce composla da sa ella. (2) Fibbie. (3) Dimenticala. (4) Neil’ ed. Zatta trovasi stampato avtà, ma non è forma veneziana, nè l’ usa mai il Goldoni. (3) Sudice. disoneste.