Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
454 ATTO TERZO

Raimondo. Me despias ch’el sior Gasper1 abbia da suffrir una doppia speisa. Stamattina un disnar sontuos, stassira la cena.

Tonina. Tutta Venezia xe piena de sto gran disnar da un zecchin a testa.

Raimondo. Un zecchin a testa! Diavol! L’è ben purassà.

Tonina. Cossa disela? Che poco giudizio! Farse magnar el suo cussì miseramente. I giera in sette a magnarghe le coste2

Cattina. Siora?3

Raimondo. De chi parlev4, sgnora Tonina?

Tonina. Parlo de quei che ha magnà qua stamattina.

Raimondo. E i mittì tutti a mazz?

Tonina. Mi digo, che chi va a magnar in casa d’un omo maridà, in scondon de so muggier, sia chi se sia, i xe tutti poco de bon.

Cattina. Andemo a casa, sior padre. (sostenuta e sdegnata)

Tonina. Coss’è sta? (a Cattina, maravigliandosi)

Raimondo. La mi cara sgnora, se sem vegnù mi e mi fiola in casa vostra a magnar... (con caldo)

Tonina. Intendemose. No parlo miga della cena, parlo del disnar. (con forza)

Raimondo. E mi a ve respond del disnar. (con caldo)

Cattina. E se ella se fusse degnada de vegnir co i l’ha mandada a chiamar, no averessimo disnà in casa del mario, in scondon de la muggier5

Tonina. Come! Come! Oh poveretta mi! Coss’è sta cossa? Lori ha disnà qua stamattina?

Raimondo. Aviu dà voltaa la mi fiola?

Tonina. Spieghemose: la me perdona, mi son in t’una confusion. Lori ha disnà qua stamattina?

Cattina. De cossa volevela domandarme scusa?

Tonina. Che ancuo mio mario no li ha podesti ricever, e nol gh’ha podesto dar da disnar. (affannata)

  1. Siete impazzita.
  1. Così il testo dello Zatta. Bisognerebbe forse correggere: ch’al sgnor Gaspar.
  2. A rodergli i fianchi, a mangiare alle sue spese.
  3. Vedi più indietro, pag. 449, n. I.
  4. Zatta: parleu.
  5. Qui l’ed. Zatta stampa mugger.