Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
460 ATTO TERZO

Lissandro. Se gh’ho da dir la verità, el me giera vegnù in testa anca a mi.

Tonina. Oh sì, la xe natural.

Lissandro. E cossa mo xeli vegnui a far qua sior Raimondo e so fia?

Tonina. I xe vegnui, perchè li avemo invidai. Tanto xe vero, che mio mario ha sospettà de lori, che per renderghe la burla, el li ha pregai de vegnir qua stassera a zogar alla Meneghellaa, e all’improvviso el ghe fa parecchiar una cena. Doveressi restar anca vu, sior Lissandro.

Lissandro. Ghe dirò: sior Gasparo per so grazia l’ha mandà al caffè dove ch’el sa che son solito a andar. E se gh’ho da dir la verità, el m’ha invidà a cenar da elo.

Tonina. Oh bravo, bravo! Gh’ho gusto. Rideremo, se divertiremo.

Lissandro. Ma me despiase de no poder restar.

Tonina. Oh no ve lasso andar via, vedè. (ridendo)

Lissandro. Me despiase che gh’ho un impegno...

Tonina. Oh no ghe xe impegni che tegna. E po, se ve preme i vostri anelli e le vostre fiube, bisogna ben che l’aspettè.

Lissandro. Veramente i me premerave... (Ma se resto a cena, xe impussibile che no se scoversa1, e dopo quele quattro fregole2 che l’ha m’ha ditob...) (da sè)

Tonina. Via, animo, cavève zosoc. (ridendo, e con forza)

Lissandro. No, siora Tonlna... La ringrazio, ma no posso restar. (vuol andar via)

Tonina. Oh no ghe andè, vedè, fora de sta porta. (si mette colla schiena alla porta)

Lissandro. Cara ella, la me permetta. (guarda per sortire per l’altra porta)

Tonina. Si, sì, vardè pur. Ho serrà colle chiave. Per de là no se va più via. (si batte forte alla stessa porta, e Tonina si spaventa un poco) De dia!3 i m’ha fatto paura! Chi è che batte cussì pulito? (apre)

  1. Gioco di carte così chiamato dai Veneziani.
  2. Dopo il discorso che ella m’ha tenuto.
  3. Smascheratevi.
  1. Che non si scopra (la burla).
  2. Fregola, briciola: vedi per es. vol. XIII, 491.
  3. Vedi sc. 1, atto I, pag. 379, n. a.