Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/468

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
462 ATTO TERZO

Bortolo. Dasseno! xeli soli?

Tonina. I xe soli, ma ghe dirò. Sior Raimondo m’ha domandà da scriver, e mi, per no far chiaccole, per no disturbarlo, gh’ho dà un libro a siora Cattina, e gh’ho dito che co sior Raimondo ha fenio, la me chiama.

Bortolo. Andemo, andemo a tegnirghe un poco de compagnia. (offre la mano a Tonina)

Tonina. Via, sior Lissandro, deghe man a sta signora.

Lissandro. Mi la sa quel che gh’ho dito.

Tonina. La varda che azion che me vuol far sior Lissandro. Mio mario l’ha invidà, mi lo prego, e nol vuol restar. (a Cecilia, ridendo)

Cecilia. Oh el resterà, el resterà. (lo prende per mano)

Lissandro. Ma se ghe digo... (cercando di liberarsi)

Tonina. L’è capace de scampar, sala? (a Cecilia, ridendo)

Cecilia. Vorave veder anca questa. (contro Lissandro)

Bortolo. Via, sior Lissandro. (forte)

Lissandro. Ma se no posso.

SCENA VIII.
Cattina, poi Raimondo e detti

Cattina. Oh cari, cossa fali qua co sta bella conversazion?

Bortolo. Oh siora Cattina, patrona. (con allegria lascia Tonino e le corre incontro.)

Tonina. Alo fenio sior Raimondo? (anch’ella si accosta a Cattina)

Cecilia. Patrona, siora Cattina. (lascia Lissandro, e corre do Cattina)

Cattina. Debotto. (a Tonino)

Lissandro. Se posso, me la batto. (va verso la porta)

Tonina. El ne scampa, el ne scampa. (a Cecilia, parlando di Lissandro)

Cecilia. Fermèlo, fermèlo. (corre e gli porta via il cappello)

Lissandro. Diavolo maledetto!

Raimondo. (Colla penna da scrivere in mano) (Coss’è ste tananai?)

Tonina. Sior Lissandro che vuol andar via.