Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Strada.

Lindoro solo.

Ah pazienza! Sa il cielo quando potrò rivedere la mia cara Zelinda! Meschino di me! L’ho lasciata nelle mani de’ miei nemici in mezzo de’ suoi persecutori. E vero che don Roberto ha cura di lei, ma egli non sa il pericolo che la sovrasta O, ed ella non avrà coraggio di dirlo, ed io non ho avuto campo di manifestarlo. Questo pensiero m’inquieta più della privazione medesima. L’amore, il timore, la gelosia m’opprimono sì fattamente, che non sento la mia miseria, e sono indifferente agli oltraggi della fortuna. Ecco qui: un giovine ( 1 ) Nelle ristampe: le sovrasta.