Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/472

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Raimondo. (Mo dov’ el el sior Gasper ?) (piano, rasserenandosi)

Tonina. (Quella maschera là infondi). (piano a Raimondo)

Raimondo. (N’ occor alter, ai ò capì), (piano a Tonino, e va bel) bello, a poco a poco, per non dar neW occhio, accostandosi a Gasparo

Tonina. Via, con licenza dei patroni della festa, che la fazza un menuetto, siora Cattina.

Cattina. (Quarda Raimondo pateticamente.)

Tonina. Se contentelo, sior Raimondo ?

Raimondo. An gh’ è miga sta gran premura. (a Tonina)

Cecilia. Oh sior sì, sior sì ; mettemose in moto un pochetto. Gon licenza de chi comanda. Sonadori, sonè. (Li suonatori suonano un minuetto. Cattina balla con Bortolo. Intanto) Raimondo si accosta a Qasparo ; siedono vicini, si parlano piano, e ridono. Tonina e Cecilia siedono da un’ altra parte, parlano tra di loro, e ridono. Finito il minuetto. Cattina va a sedere vicina a Bortolo. Tutti applaudiscono al minuetto. Qasparo batte le mani, e ride. SGENA XL Riosa e detti.

Riosa. Sior patron... (forte verso Gasparo, ma da lontano)

Tonina. Gossa voleu dal patron ? Qua noi ghe xe el patron. (a Riosa)

Riosa. Ah sì, noi ghe xe ; no m’ arecordava. (ironica)

Tonina. Gossa volevi ?

Riosa. Ghe xe do maschere alla porta che vorave intrar.

Tonina. Ghi xele ?

Riosa. Mi no so, la veda, che mi no gh’ ho averto. I m’ ha dito che le xe do maschere omo e donna.

Tonina. Ghi domandeli !

Riosa. El patron.

Tonina. Ghi mai porli esser ?

Raimondo. (Domanda piano a Gasparo, ed egli fa cenno che non) sa niente.

Lissandro. Vorla che vaga a veder mi ? (a Tonino)