Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/474

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
468 ATTO TERZO

Cecilia. Con licenza de siora Tonina, e de quella maschera che no conosso. (ironica, Gasparo la saluta ridendo) Vegnirala in tinello a ascoltar una parola?

Raimondo. Mi sol?

Cecilia. Ella solo.

Raimondo. Senza mi fiola?

Cecilia. La xe qua... Ghe xe siora Tonina.

Raimondo. A gh’la raccomand. (a Tonina, e s’alza)

Tonina. Ch’el staga col so cuor quieto. (s’alza, e s’incammina verso Cattina.)

Cecilia. La vegna con mi. (a Raimondo, passano dinanzi a Cattina, e Bortolo. Cattina abbassa gli occhi, e Bortolo si alza, e fa una riverenza a Raimondo, rispettosa e timida.)

Raimondo. Ch’ai n s’incomoda. (a Bortolo) Coss’al el so sgnor consort, ch’al me par malinconich? (a Cecilia)

Cecilia. Ghe conterò. Gh’ho da parlar de elo. (piano a Raimondo)

Raimondo. Oh! Ai ò1 da sentir di guaj. Am despiass. (da sè, e parte con Cecilia)

Tonina. Son qua con ela. (siede vicino a Cattina) Cossa gh’ala che la me par sbattuettaa. (a Cattina)

Cattina. Oh gnente; no in verità, gnente. (Oh come che me batte el cuor!) (piano a Bortolo)

Bortolo. E mi! Me trema fina le gambe. (piano a Cattina)

SCENA XII.
Lissandro e detti, poi Riosa.

Lissandro. Sala chi xe? (a Tonina, ridendo)

Tonina. Chi?

Lissandro. Sior Zanetto Bigolini.

Tonina. Mi no lo2 cognosso. (Gasparo freme, Bortolo e Cattina ancora)

  1. Di ciera pallida e patetica.
  1. Nell’ed. Zatta: Aj ho. Più sopra è stampato aiò.
  2. Nell’ed. Zatta è stampato per errore la.