Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/476

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Tonina. ( . , ,. ,. ,, / .. . .) 470 JTTO TERZO

Tonina. Siora maschera, cossa diseu ì (a Qaspaw, fremendo)

Lissandro. Xelo el patron della festa ? (a Tonina)

Tonina. Sior sì, sior sì ; el xe el patron. (a Lissandro)

Lissandro. Signor, no la se metta in sospetto de gnente, perchè i xe tutti galantomeni, persone oneste ; la xe una burla, e no gh’ è gnente de mal. (a Gasparo, ridendo)

Gasparo. (Fa cenno che domandi permissione a Tonina.)

Lissandro. Siora Tonina, se contentela che le vegna ste maschere ? (a Tonina)

Tonina. Dove xele ? (a Lissandro)

Lissandro. In portego.

Tonina. Chi le ha fatte intrar ?

Lissandro. Gh’ ho averto mi, veramente.

Tonina. Chi va dà sti ordini, sior ?

SCENA XIII.

Zanetto e detti, poi Riosa.

Zanetto. (Senza volto, e colla bautta sotto la gola, correndo innanzi,) dice) Vedendo che le s’ ha desmentegà de un so umilissimo servitor, me son tolto la libertà de rassegnarghe el mio gran rispetto, e de supplicarle della so devotissima tolleranza. y— , òi guardano t uno t attro, e non panno far a meno ai riaere

Gasparo. ( ’)

Lissandro. Lassèlo andar via, se ve basta Tanemo. (e Gasparo)

Zanetto. Se le me permette...

Riosa. Siora Cattina. (chiamandola)

Cattina. Me chiameli ? (a Riosa, alzandosi con ansietà)

Riosa. I la chiama in tinello. (parte)

Cattina. Vegno, vegno ; co so bona grazia, (a Tonino, correndo)

Zanetto. Dove vaia? Dove vaia? (a Cattina, andandole dietro)

Cattina. Cossa vorlo saver ? Che el me lassa star. (Oh co i me) chiama, xe bon segno). (da sè, parte)

Zanetto. Se le me permette, me cavo zo. (5/ cava il tabarro e bautta, si guarda l’abito, e si pavoneggia)