Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 1, 1910 - BEIC 1837632.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

25

PARTE PRIMA


CAPITOLO I

Mia stirpe e mia nascita.

Si può satireggiare e ridere da’ sciocchi indiscreti anche sull’origine d’una famiglia, e però dono a’ derisori di questa spezie una breve ma vera notizia della mia stirpe e della mia nascita, perché possano regolare i loro dileggi.

Lo stipite del tronco nostro comincia nel secolo 1300 da un certo Pezòlo de’ Gozzi. Un albero legittimo, involto ne’ ragnateli, nella polvere, con qualche tarlo, non appeso alle pareti in una bella cornice, ma non mai opposto né contraddetto e corso a’ tribunali nelle ragioni delle cause civili, afferma queste veritá.

Non mi sono mai raccomandato a qualche genealogista per trovare un’origine piú lontana, perché non sono spagnolo.

De’ monumenti storici vogliono che la nostra famiglia derivi dalla famiglia de’ Gozze, che sussiste ancora in Raugia; la quale fu una di quelle famiglie fondatrici di quella antichissima repubblica.

Nelle storie di Bergamo si legge che l’accennato Pezòlo de’ Gozzi fu uomo possente nella terra di Alzano, e ch’è lodato dalla serenissima repubblica di Venezia per aver egli esposte le sostanze e la persona contro le armi milanesi, per conserservare quella terra sotto a questo invitto e clemente dominio.

Gli uffizi d’inviati e di podesterie, sostenuti da’ discendenti da codesto Pezòlo de’ Gozzi per la città di Bergamo, provano