Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 memorie inutili


Se dunque un tal uomo che a niente aspira non veste i panni giammai dell’ipocrisia, vediamo se voi per avventura vi siete coperto di quelle vesti.

V’è una setta che per universale parere è setta d’occulta fissata istituzione di progetti esecrandi sulla augusta religione, sulla armonia delle subordinazioni conformata nell’universo, progetti tenuti nel buio da orribili giuramenti e progetti ch’io non dirò; e nondimeno cotesta setta sostiene un esterno di affabilitá, si predica una societá d’indifferente saporito divertimento e si predica amica, consorella ed amante di tutto il genere umano. Ipocrisia infernale di terribile conseguenza.

Vi ricordo che vi vantaste pubblicamente membro considerabile seguace d’una tal setta; ch’io non fui, non sono, non sarò mai seguace d’alcuna setta rivoltosa, e che non mi studio di tener celato il mio interno giammai, perché veramente non sono ipocrita.

Potrei provare che il vostro interno ambizioso, aspiratore a folgoreggiare nel fasto e ne’ gradi sublimi, ma leggero, iracondo, superbo, puntiglioso, acceso e mal atto a’ gravi maneggi, fu coperto da un esterno di fiorellini superfiziali, vale a dire di qualche estero linguaggio apparato, d’una vivace prontezza di chiacchierare, di una facilitá diuretica di schiccherare sopra a de’ fogli de’ periodi alla vostra foggia; esterno ipocrita favorevole ad una impostura abbagliatrice e incantatrice i sciocchi, gl’ignoranti e le femmine.

Tralascio questa prova giá conosciuta da’ piú maturi, piú saggi e piú giusti ragionatori che voi non siete, e mi ristringo a provare in voi l’ipocrisia colle vostre confessioni medesime.

Non confessaste voi nel carpito «colloquio» a me ed al Maffei d’aver fatta la corte a delle dame principali che avevano facoltá sul cuore de’ Grandi, da’ quali dipendevano i soccorsi che bramavate e gli uffizi luminosi a’ quali aspiravate; ed anzi non scrivete voi nella vostra Narrazione, senza rossore, che faceste la corte ad alcuna di quelle per «tre anni di nauseante coltura»? Ecco l’ipocrita vero.