Pagina:Graf - Le Rime dalla Selva, 1906.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Alla mia ombra 81


Ora di me ben più corta,
     Ora più lunga d’assai,
     Quando davanti mi fai,
     36Quando di dietro, la scorta.

In mille gangheri e scorci,
     Nulla curando gl’intoppi,
     Distesa o ritta, ti sgroppi,
     40Pieghi, aggomitoli, torci;

E passi oltre bel bello,
     Ed esci sempre d’impaccio,
     Laddove io, poveraccio,
     44Incespico in un fuscello. —

Tu sei un’ombra; ma io
     Che teco vivo e ragiono,
     Io che dïavolo sono?
     48Chiedilo a Domeneddio.

Certo non sono nïente,
     Guardato da capo a piè,
     Di assai diverso da te,
     52Di molto più consistente. —