Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1929-1933: MISCELLANEA I 207 conciliare questo dissidio che travaglia (io lo so, io lo sento) il cuore della gioventù, etc., etc.”»6. Più oltre scrive: «E non parlerei mica sempre di simili questioni: parlerei d'arte e di letteratura e di scienza e di morale, cercando sempre di sradicare i pregiudizi e di porre in faccia alla moda YEwtg e di contro all’oggi, l’ieri e il do¬ mani», senza accorgersi dell'intima contraddizione in cui egli stesso si dibatteva, dato che dell’Ewig avesse una con¬ cezione giusta. In una lettera da Barga del 12 agosto 1900 accenna a un suo scritto, Nel carcere di Ginevra, a proposito di Luccheni, ^ che la « Tribuna » non pubblicò e che il Pascoli pubblicò do¬ po 7; non ricordo questo scritto. / In una lettera delPn dicembre 1900 da Messina, firma¬ ta « Giovanni Pascoli socialista-patriota messo all’indice dai giornali politici, cioè finanzieri d’Italia», parla della sua col¬ laborazione a un giornale locale e pare che abbia iniziato la pubblicazione pensata come rubriche permanenti della «Tribuna», ma che la «Tribuna» non volle pubblicare’. (Vedere la bibliografia del Pascoli. La rubrica «Nell' o Per l'Avvenire», in una lettera del 14 dicembre 1900, è detta essere stata iniziata nella «Tribuna» da Ojetti). In una lettera senza data, ma che lo Zuppone-Strani dice scritta da Barga sul finire del 1902 | o nella prima metà del 73 1903 è scritto: «Eppure il poeta ti ama là, ti vede là, ti so¬ gna là, eppure il patriota e 1’"umano” ("socialista” non mi conviene più essere chiamato e chiamarmi) si esalta nel sa¬ perti investito d'una altissima missione d'utile o onore ita¬ lico e di civiltà. Ti chiamavo "negriero”, e tu vai a distrug¬ gere i negrieri» (il Pascoli chiamava scherzosamente il Mer- catelli «ras», «negriero», ecc.). E più oltre: «Perché a ri¬ fuggire dal socialismo politico dei nostri giorni aiuta me non solo l'orrore al dispotismo della folla o del numero dei più, ma specialmente la necessità che io riconosco e idoleg¬ gio, d'una grande politica coloniale» \ § (52). Giovanni Pascoli. La «Nuova Antologia» del i° dicembre 1927 pubblica un articolo inedito del Pascoli, 1