Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


368 QUADERNO 3 (xx) ha interessato anche intellettuali come il Manzoni (vedi suoi scritti sui rapporti tra romani e longobardi a proposito del- l’Adelchi): cioè ha interessato nel principio del secolo xix quelli che si preoccupavano della continuità della tradizione italiana dall’antica Roma in poi per costituire la nuova co¬ scienza nazionale. Sull’argomento generale dell 'oscuramento del diritto ro¬ mano e sua rinascita e delPemergere del diritto canonico cfr I «due diritti» e il loro odierno insegnamento in Italia di Francesco Brandileone ( « Nuova Antologia » del 16 lu¬ glio 1928)2 per avere alcune idee generali, ma vedere, na¬ turalmente le grandi storie del diritto. Schema estratto dal saggio del Brandileone: Nelle scuole dell’Impero Romano a Roma, a Costantino¬ poli, a Berito, si insegnava solo il diritto romano nelle due positiones di jus publicum e di jus privatum; nel jus pu¬ blicum era compreso il jus sacrum pagano, finché il paga¬ nesimo fu religione tanto dei sudditi che dello Stato. Com¬ parso il Cristianesimo e ordinatosi, nei secoli delle persecu¬ zioni e delle tolleranze, come società a sé, diversa dalla so¬ cietà politica, esso die luogo (a) un jus sacrum nuovo. Do¬ po che il Cristianesimo fu prima riconosciuto e poi elevato dallo Stato a fede unica dellTmpero, il nuovo jus sacrum ebbe bensì appoggi e ri|conoscimenti da parte del legisla¬ tore laico, ma non fu però considerato come l’antico. Poiché il Cristianesimo si era separato dalla vita sociale politica, si era staccato anche dal jus publicum e le scuole non si oc¬ cupavano del suo ordinamento; il nuovo jus sacrum formò la speciale occupazione delle scuole tutte proprie della so¬ cietà religiosa (questo fatto è molto importante nella sto¬ ria dello Stato romano ed è ricco di gravi conseguenze, per¬ ché inizia un dualismo di potestà che avrà lo sviluppo nel Medio Evo: ma il Brandileone non lo spiega: lo pone come una conseguenza logica dell’originario distacco del Cristia¬ nesimo dalla società politica. Benissimo, ma perché diven¬ tato il Cristianesimo religione dello Stato come lo era stato il paganesimo, non si ricostituì l’unità formale politico-reli- giosa? Questo è il problema). Durante i secoli dell’alto Medio Evo il nuovo jus sacrum,