Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/377

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


370 QUADERNO 3 (xx) accettati dai vincitori ma la posizione del diritto romano non mutò. La rinnovazione dell'Impero con Carlo Magno non tolse il diritto romano dalla sua posizione d’inferiorità: essa fu migliorata, ma solo tardi e per il concorso di altre cause: in complesso continuò in Italia a rimanere diritto personale fi¬ no al secolo xi. Le nuove leggi fatte dai nuovi imperatori, fino a tutto il secolo xi, non furono aggiunte al Corpus giu¬ stinianeo, ma all’Editto longobardo, e quindi non furono ri¬ guardate come diritto generale obbligatorio per tutti, ma come diritto personale proprio dei viventi a legge longo¬ barda. Per il diritto canonico invece la riduzione a diritto perso¬ nale non avvenne, essendo il diritto di una società diversa e distinta dalla società politica, l’appartenenza alla quale non era basata sulla nazionalità: esso possedeva nei concilii e nei papi il suo proprio potere legislativo. Esso però aveva una sfera di obbligatorietà ristretta. Diventa obbligatorio o per¬ ché viene accettato spontaneamente o perché | fu accolto fra le leggi dello Stato. La posizione del diritto romano si venne modificando ra¬ dicalmente in Italia a mano a mano che dopo l’avvento degli Ottoni Timpero fu concepito più chiaramente ed esplicita¬ mente come la continuazione dell’antico. Fu la scuola pave¬ se che si rese interprete di un tal fatto e proclamò la legge romana omnium generalis, preparando l'ambiente in cui po¬ te sorgere e fiorire la scuola-di Bologna e gli imperatori sve- vi riguardarono il Corpus giustinianeo come il codice loro, al quale fecero delle aggiunte. Questo riaffermarsi del di¬ ritto romano non è dovuto a fattori personali: esso è legato al rifiorire dopo il mille della vita economica, delPindustria, del commercio, del traffico marittimo. Il diritto germanico non si prestava a regolare giuridicamente la nuova materia e Ì nuovi rapporti. Anche il diritto canonico subisce dopo il mille un cam¬ biamento. Coi Carolingi alleati al papato viene concepita la monar¬ chia universale abbracciante tutta l’umanità, diretta concor¬ demente dall’Imperatore nel temporale e dal Papa nello spi-