Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/393

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


386 QUADERNO 3 (xx) questo clero solo parzialmente era costituito di cittadini francesi, per i legami statali tra Francia e Vaticano. Uno sta¬ to maggiore organizza le forze armate di un altro paese, in¬ caricando del lavoro tecnici militari del suo gruppo che non perdono la nazionalità, tutt’altro. Gli intellettuali di un pae¬ se influenzano la cultura di un altro paese e la dirigono ecc. Un’emigrazione di lavoratori colonizza un paese sotto la di¬ rezione diretta o indiretta della sua propria classe dirigente economica e politica. La forza espansiva, l’influsso storico di una nazione non può essere misurato dall’intervento indi¬ viduale di singoli, ma dal fatto che questi singoli esprimono consapevolmente e organicamente un blocco sociale nazio¬ nale. Se cosi non è, si deve parlare solo di fenomeni di una certa portata culturale appartenenti a fenomeni storici più complessi: come avvenne in Italia per tanti secoli, di essere l’origine «territoriale» di elementi dirigenti cosmopoliti e di continuare in parte ad esserlo per il fatto che l’alta gerar¬ chia cattolica è in gran parte italiana. Storicamente questa funzione internazionale è stata la causa di debolezza nazio¬ nale e statale: lo sviluppo delle capacità non è avvenuto per i bisogni nazionali, ma per quelli internazionali, il processo di specializzazione tecnica degli intellettuali ha seguito per¬ ciò delle vie anormali dal punto di vista nazionale, perché ha servito a creare l’equilibrio di attività e di branche di at¬ tività non di una comunità nazionale ma di una comunità più vasta che voleva «integrare» i suoi quadri nazionali, ecc. (Questo punto deve essere bene sviluppato con preci¬ sione ed esattezza). 62 bis § (119)- Passato e presente. Agitazione e propaganda. La debolezza dei partiti politici italiani in tutto il loro perio¬ do di attività, dal risorgimento in poi (eccettuato in parte il partito nazionalista) è consistita in quello che si potrebbe chiamare uno squilibrio tra l’agitazione e la propaganda, e che in altri termini si chiama mancanza di principii, oppor¬ tunismo, mancanza di continuità organica, squilibrio tra tat¬ tica e strategia ecc. La causa principale di questo modo di essere dei partiti è da ricercare nella deliquescenza delle 1 /