Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


396 QUADERNO 3 (xx) bertà come una premessa necessaria, ne consegue una teoria del libero arbitrio come assoluta possibilità di scelta fra il bene e il male. Cosi la pena (acutissime le pagine su il di¬ ritto penale) trova il suo fondamento non soltanto nella re¬ sponsabilità (scuola classica) ma nel fatto puro e semplice che l’individuo può fare il male conoscendolo come tale. La causalità può tenere | le veci della responsabilità. Il deter¬ minismo di chi delinque equivale al determinismo di chi pu¬ nisce. Tutto bene. Ma questo energico richiamo al "dover essere”, alTantistoria, che crea la storia, non restaura, logi¬ camente, il dualismo e la trascendenza? Non si può riguar¬ dare la trascendenza come un "momento” senza ricade¬ re neH’immanentismo. Non si viene a patti con Platone» \ § ( 136). I nipotini di Padre Bresciani. Per gli scrittori « tecnica¬ mente » gesuiti da includere in questa rubrica cfr Monsignor Giovan¬ ni Casati, Scrittori Cattolici Italiani vìventi. Dizionario bio-biblio¬ grafico ed indice analitico delle opere con prefazione di F. Meda, pp. Vin-ii2,in801. Cfr Quaderno 23 (vi), p. 64. § < 137 ). La formazione della classe intellettuale italiana. Efficacia avuta dal movimento operaio socialista per creare importanti settori della classe dominante. La differenza tra il fenomeno italiano e quello di altri paesi consiste obbiet¬ tivamente in questo: che negli altri paesi il movimento ope¬ raio e socialista elaborò singole personalità politiche, in Ita¬ lia invece elaborò interi gruppi di intellettuali che come gruppi passarono all’altra classe. Mi pare che la causa ita¬ liana sia da ricercare in ciò: scarsa aderenza delle classi alte al popolo: nella lotta delle generazioni, i giovani si avvici¬ nano al popolo; nelle crisi di svolta questi giovani ritornano alla loro classe (cosi è avvenuto per i sindacalisti-nazionali- sti e per i fascisti). È in fondo lo stesso fenomeno generale del trasformismo, in diverse condizioni. Il trasformismo «classico» fu il fenomeno per cui si unificarono i partiti del Risorgimento; questo trasformismo mette in chiaro il con¬ trasto tra civiltà, ideologia ecc. e la forza di classe. La bor-