Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(xill) r rato dal compilatore, o per lo meno una minuziosa descrizione del te¬ sto originale fatta con criteri diplomatici. L’una e l'altra categoria devono essere sezionate per periodi cro- nologico-critici in modo da poter stabilire confronti validi e non pu¬ ramente meccanici ed arbitrari. Anche iUavoro di elaborazione fatto dall’autore del materiale del¬ le opere poi da lui stampate, dovrebbe essere studiato e analizzato: per lo meno darebbe, questo studio, degli indizi per valutare critica- mente l’attendibilità delle redazioni compilate da altri delle opere ine¬ dite. Quanto più il materiale preparatorio delle opere edite si allonta¬ na dal testo definitivo redatto dallo stesso autore, e tanto meno è at¬ tendibile k redazione di altro scrittore di un materiale dello stesso tipo. Infatti un’opera non può mai essere identificata col materiale bruto raccolto per la sua compilazione : la scelta, la disposizione de¬ gli elementi, il peso maggiore o minore dato a questo o a quello degli elementi raccolti nel periodo preparatorio, sono appunto ciò che co¬ stituisce l’opera effettiva. Anche lo studio deirepistolario deve esser fatto con certe cautele: un’affermazione recisa fatta in una lettera non sarebbe forse ripetuta in un libro. La vivacità stilistica delle lettere, se spesso è artistica¬ mente più efficace dello stile più misurato e ponderato di un libro, qualche volta porta a deficienze di dimostrazione: nelle lettere, come nei discorsi, come nelle conversazioni si verificano più spesso errori logici; la rapidità del pensiero è a scapito della sua solidità. Solo in seconda linea, nello studio di un pensiero originale e per¬ sonale, viene il contributo | di altre persone alla sua documentazione. Per Marx:Engels. Naturalmente non bisogna sottovalutare il contri¬ buto di Engels, ma non bisogna neanche identificare Engels con Marx, non bisogna pensare che tutto ciò che Engels attribuisce a Marx sia autentico in senso assoluto. È certo che Engels ha dato la prova di un disinteresse e di un’assenza di vanità personale unica nel¬ la storia della letteratura: non è menomamente da porre in dubbio la sua assoluta lealtà personale. Ma il fatto è che Engels non è Marx e che se si vuole conoscere Marx bisogna specialmente cercarlo nelle sue opere autentiche, pubblicate sotto la sua diretta personalità. Conseguono da ciò parecchie avvertenze di metodo e alcune indi¬ cazioni per ricerche collaterali. Che valore ha il libro di Mondolfo sul Materialismo storico di Federico Engels2? Il Sorel (in una sua lettera a B. Croce) pone il dubbio che si possa studiare un argomento di tal fatta, data la scarsa capacità di pensiero originale dell’Engels3. A par¬ te la quistione di merito accennata dal Sorel, mi pare che per il fatto stesso che si suppone una scarsa capacità teoretica in Engels (per lo meno una sua posizione subalterna in confronto a Marx), sia indispen¬ sabile ricercare le differenze tra il Marx che dirò autentico e l’Engels, per essere in grado di vedere ciò che non è marxistico nelle esposizio¬ ni che l’Engels fa del pensiero del suo amico: in realtà nel mondo del¬ la cultura questa distinzione non è mai fatta e le esposizioni di En¬ gels, relativamente sistematiche (specialmente Antidübring)4, sono assunte come fonte autentica e spesso come sola fonte autentica. Il 193O-1932: APPUNT