Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/430

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


era proprio il superamento della più alta manifestazione culturale del suo tempo, la filosofia classica tedesca. Ne è nato un «marxismo» in «combinazione» buono per la letteratura di cui parla il Sorel, ma insufficiente per creare un vasto movimento culturale che abbracci tutto l’uomo, in tutte le sue età e in tutte le sue condizioni sociali, unificando moralmente la società. Questo fenomeno si può osservare in tutte le culture moderne, nel senso che la filosofia moderna | non 44 riesce a elaborare un programma scolastico secondo la sua visione del mondo e non riesce a elaborare una cultura popolare, ma rimane la cultura di una aristocrazia intellettuale. Questa quistione è legata al¬ la quistione della cosi detta « riforma » nei paesi non protestanti. Nel volume Storia dell'età barocca in Italia, a p. n, il Croce scrive: «Il movimento della Rinascita era rimasto aristocratico, di^ circoli eletti, e nella stessa Italia, che ne fu madre e nutrice, non usci dai circoli di corte, non penetrò fino al popolo, non divenne costume o ” pregiudi¬ zio”, ossia collettiva persuasione e fede. La Riforma, invece, ebbe ben¬ sì questa efficacia di penetrazione popolare, ma la pagò con un ri¬ tardo nel suo intrinseco sviluppo, con la lenta e più volte interrotta maturazione del suo germe vitale» \ A p. 8: «E Lutero, come quegli umanisti, depreca la tristezza e celebra la letizia, condanna l’ozio e co¬ manda il lavoro; ma, d’altra parte, è condotto a diffidenza e ostilità contro le lettere e gli studi, sicché Erasmo potè dire: ubicumque ré¬ gnât lutberanismus, ibi literarum est interitus\ e certo, se non pro¬ prio per solo effetto di quella avversione in cui era entrato il suo fon¬ datore, il protestantesimo tedesco fu per un paio di secoli pressoché sterile negli studi, nella critica, nella filosofia. I riformatori italiani, segnatamente quelli del circolo di Giovanni de Valdés e i loro amici, riunirono invece senza sforzo l’umanismo al misticismo, il culto degli studi all’austerità morale. Il calvinismo, con la sua dura concezione della grazia e la dura disciplina, neppur esso favori la libera ricerca e il culto della bellezza; ma gli accadde, interpretando e svolgendo e adattando il concetto della grazia e quello della vocazione, di venire a promuovere energicamente la vita economica, la produzione e l’accre¬ scimento della ricchezza». La riforma luterana e il calvinismo crearo¬ no una cultura popolare, e solo in periodi successivi una cultura supe¬ riore; i riformatori italiani furono sterili di grandi successi storici. La filosofia moderna continua la Rinascita e la Riforma nella sua fase su¬ periore, ma coi metodi della Rinascita, senza l’incubazione popolare della Riforma che ha creato le basi solide dello Stato moderno nelle nazioni protestantiche. Per questo suo sviluppo popolare la Riforma potè resistere all’aslsalto armato della coalizione cattolica e così fu 44 bis fondata la nazione germanica. A questo movimento può essere para¬ gonato l’illuminismo «politico» francese che précédé e accompagnò la Rivoluzione dell’89: anch’esso fu una riforma intellettuale e mo¬ rale del popolo francese e anch’esso non fu accompagnato da una cul¬ tura superiore. (Ricordare anche qui la riduzione di Marx dei termini politici francesi «fraternité, ecc.» al linguaggio della filosofia tedesca nella Sacra Famiglia)5. Rinascita-Riforma - Filosofia tedesca - Rivolu¬ zione francese - laicismo [liberalismo] - storicismo - filosofia moder-