Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/436

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


care il cibo. Ma in un animale, oltre il sentimento della fame, si pro¬ ducono molti altri sentimenti, relativi ad altre operazioni, i quali, pur essi, agiscono a muoverlo. Egli è che, col nutrimento si mantiene un dato organismo, che ha attitudini speciali, quali in una specie, quali in un’altra. Una caduta d’acqua fa muovere un mulino a produrre la farina e un telajo a produrre un drappo. Sicché pel mulino, oltre la caduta dell’acqua, occorre il grano da macinare e pel telajo occorrono i fili da comporre insieme. Mantenendosi col movimento un organi¬ smo, l’ambiente, colle sue importazioni d’altro genere (?), determina, come dicemmo, molti funzionamenti, che non dipendono direttamen¬ te dal nutrimento, ma dalla struttura speciale dell’apparecchio funzio¬ nante, da una parte, e dalla azione, | ossia importazione nuova del- 48 bis l’ambiente dall’altra. Un uomo quindi, per esempio, è incitato in più sensi. E in tutti irresistibilmente. È incitato dal sentimento della fa¬ me, è incitato da altri sentimenti, prodotti in ragione della struttura sua speciale, e delle sensazioni e delle idee fatte nascere in lui per l’azione esterna, e per l’ammaestramento ricevuto, ecc. ecc. (sic). Deve ubbidire al primo, ma deve ubbidire anche agli altri; voglia o non voglia. E gli equilibri che si formano tra l’impulso del primo e di questi altri, per la risultante dell’azione, riescono diversissimi, secon¬ do una infinità di circostanze, che fanno giocare più l’uno che l’altro dei sentimenti incitanti. In una mandra di porci il sopravvento rima¬ ne al sentimento della fame, in una popolazione di uomini, ben diver¬ samente, poiché hanno anche altre cure all’infuori di quella d’ingras¬ sare. Nell’uomo stesso l’equilibrio si diversifica secondo le disposizio¬ ni che poterono farsi in lui, e quindi, col sentimento della fame, il ladro ruba e il galantuomo invece lavora : avendo quanto gli occorre per soddisfare alla fame, l’avaro cerca anche il non necessario, e il fi¬ losofo se ne contenta e dedica la sua opera alla scienza. L’antagonismo poi può esser tale, che riescano in prevalenza i sentimenti che sono diversi da quelli della fame, fino a farli tacere affatto, fino a soppor¬ tare di morire, ecc. ecc. ecc. (sic). La forza, onde è, e agisce l’animale, è quella della natura, che lo investe e lo sforza ad agire in sensi moltiformi, trasformandosi varia¬ mente nel suo organismo. Poniamo che sia la luce del sole, alla quale si dovrebbe ridurre la concezione materialistica della storia, anziché alla ragione economica. Alla luce del sole, intesa in modo, che anche ad essa si possa riferire il fatto della idealità impulsiva dell’uomo»9. (Fine). Il brano pare sia stato pubblicato nel «Giornale d’Italia», numero unico a beneficio della Croce Rossa, gennaio 1915; è interessante non solo come documento che l’Ardigò non | conosceva neanche gli eie- 49 menti primi del materialismo storico e non aveva letto che qualche ar¬ ticolo di giornale di provincia, stranamente capito, ma perché serve a rintracciare l’origine [e la genesi] di certe opinioni diffuse, come quel¬ la del «ventre». Ma perché solo in Italia si è avuta questa strana in¬ terpretazione? Il movimento alle origini è stato legato alla fame, è evi¬ dente, e l’accusa di ventraioiismo è una accusa più umiliante per chi ha lasciato un paese in tali condizioni ecc. ecc. In ogni modo il « pez- 4 17 49 bis 430 y QUADERNO 4