Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/476

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


APPUNTI DI FILOSOFIA I 469

sentami e i loro fanatici chierici pretendono; se così non fosse non ci sarebbe progresso reale, che avviene anche per spinte «nazionali». La filosofia gentiliana è, nel mondo contemporaneo, quella che più fa quistioni di «parole», di «terminologia», che dà per «creazione» nuova ogni mutamento grammaticale dell’espressione: perciò la bre¬ ve nota dell’Einaudi è una freccia awelenatissima contro lo Spirito e su di essa si aggira esasperatamente la breve nota dello stesso Spi¬ rito 4. (Ma della quistione di merito della polemica non voglio occu¬ parmi in questa nota). Voglio solo notare la necessità di studiare que¬ sto aspetto del pragmatismo italiano (specialmente nel Vailati) e del Pareto sulla quistione del linguaggio scientifico5. Cfr Quaderno zi (xvm), pp. 58-59. / § (43). V«obbiettività del reale» e il prof. Lukacz (cfr nota ante¬ cedente La scienza a p. 75) *. È da studiare la posizione del prof. Lu¬ kacz verso il materialismo storico. Il Lukacz (conosco le sue teorie molto vagamente) credo affermi « he | si può parlare di dialettica solo 77 bis per la storia degli uomini e non per la natura2. Può aver torto e può aver ragione. Se la sua affermazione presuppone un dualismo tra l’uo¬ mo e la natura egli ha torto perché cade in una concezione della na¬ tura propria de1,!a religione e anche .propria dell’idealismo, che real¬ mente non riesce a unificare e mettere in rapporto l’uomo e la natura altro che verbalmente. Ma se la storia umana è anche storia della na¬ tura, attraverso la storia della scienza, come la dialettica può essere staccata dalla natura? Penso che il Lukacz, scontento delle teorie del Saggio popolaresia caduto nell’errore opposto: ogni conversione e identificazione del materialismo storico nel materialismo volgare non può che determinare l’errore opposto, la conversione del materiali¬ smo storico nell’idealismo o addirittura nella religione. Cfr Quaderno 11 (xvm), p. 48 bis. § (44). Sorel. In un articolo su Clemenceau pubblicato nella «Nuova Antologia» del 16 dicembre 1929 e in un altro pubblicato nell’«Italia Letteraria» del 15 dicembre (il primo firmato «Specta- tor», il secondo firmato con nome e cognome) Mario Missiroli pub¬ blica due brani importanti di lettere inviategli da Giorgio Sorel e ri¬ guardanti Clemenceau1: «Egli (Clemenceau) giudica la filosofia di Marx, che costituisce l’ossatura del socialismo contemporaneo, come una dottrina oscura, buona per i barbari di Germania, come sempre è apparsa alle intelligenze pronte e brillanti, abituate alle facili let¬ ture. Spiriti leggeri come il suo non riescono a capire ciò che Renan capiva così bene, che, cioè, valori storici di grande importanza posso¬ no apparire congiunti con una produzione letteraria di evidente me-