Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/482

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


X 1930-1932: (miscellanea) 475 organicamente, un ceto o più ceti di intellettuali che gli danno omo¬ geneità e consapevolezza della propria funzione nel campo economi¬ co: l’imprenditore capitalista crea con sé l’economista, lo scienziato deireconomia politica. Inoltre c’è il fatto che ogni imprenditore è an¬ che un intellettuale, nel senso che deve avere una certa capacità tecni¬ ca, oltre che nel campo economico in senso stretto, anche in altri cam¬ pi, almeno in quelli più vicini alla produzione economica (deve essere un organizzatore di masse di uomini, deve essere un organizzatore della «fiducia» dei risparmiatori nella sua azienda, dei compratori della sua merce, ecc.); se non tutti gli imprenditori, almeno una élite di essi deve avere una capacità tecnica (di ordine intellettuale) di or¬ ganizzatore della società in generale, in tutto il suo complesso orga¬ nismo di servizi fino allo Stato, per avere le condizioni più favorevoli all’espansione del proprio gruppo, o per lo meno la capacità di sce¬ gliere i «commessi» specializzati in questa attività organizzatrice dei rapporti generali esterni all’impresa. Anche i signori feudali erano detentori di una particolare forma di capacità: quella militare, ed è appunto dal momento in cui l’aristocra¬ zia perde il monopolio della capacità tecnica militare che si inizia la crisi del feudalismo. 2) Ma ogni gruppo sociale, emergendo alla storia dalla struttura economica, trova o ha trovato, nella storia almeno fino ad ora svolta¬ si, delle categorie intellettuali preesistenti, e che apparivano anzi co¬ me rappresentanti una continuità storica ininterrotta anche dai più complicati mutamenti delle | forme'sociali e politiche. La più tipica 11 bis di queste categorie intellettuali è quella degli ecclesiastici, monopo- lizzatori per lungo tempo di alcuni servizi essenziali (l’ideologia reli¬ giosa, la scuola e l’istruzione, e in generale la « teoria », con riferimen¬ to alla scienza, alla filosofia, alla morale, alla giustizia ecc., oltre alla beneficenza e all’assistenza ecc.), ma ce ne sono parecchie altre che in regime feudale furono in parte, almeno, equiparate giuridicamente al¬ l’aristocrazia (il clero, in realtà, esercitava la proprietà feudale della terra come i nobili ed economicamente era equiparato ai nobili, ma c’era per esempio, un’aristocrazia della toga, oltre a quella della spa¬ da, ecc.: nel paragrafo precedente, agli economisti, nati con gli im¬ prenditori, occorre aggiungere i tecnici industriali e gli scienziati « ap¬ plicati », categoria intellettuale strettamente0 connessa al gruppo so¬ ciale degli imprenditori, ecc.), gli scienziati «teorici», i filosofi non ecclesiastici, ecc. Siccome queste categorie sentono con «spirito di corpo » la continuità della loro qualifica intellettuale (Croce si sente come legato ad Aristotele più che ad Agnelli, ecc.) cosi appare una certa loro autonomia dal gruppo sociale dominante e il loro comples¬ so può apparire come un gruppo sociale indipendente con propri ca¬ ratteri, ecc. Seconda quistione: quali sono i limiti massimi dell’accezione di « intellettuale »? È difficile trovare un criterio unico che caratterizzi ugualmente tutte le disparate attività intellettuali e nello stesso tem-

  • Nel ms una variante interlineare: «organicamente»-.

476