Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/504

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) t + 497 verno indiretto del Bellarmino)] e per quest’azione sono necessari dei laici, è necessaria una concentrazione di cultura cattolica rappresenta¬ ta da laici. Esistono molti giovani che possono diventare preziosi au¬ siliari della Chiesa più come professori d’Università che come cardi¬ nali ecc. Allargata la base delle « vocazioni » questa attività laico-cul¬ turale ha immense possibilità di estendersi. L’Università del Sacro Cuore e il centro culturale neoscolastico so¬ no solo la prima cellula di questo lavoro. È intanto stato sintomatico il Congresso Filosofico del 1929: vi si scontrarono idealisti assoluti e neoscolastici e questi parteciparono al Congresso animati da spirito battagliero di conquista5. Secondo me il gruppo questo voleva otte¬ nere, di apparire battagliero, pugnace,^ quindi interessante per i gio¬ vani. I cattolici sono fortissimi perché si infischiano delle « confuta¬ zioni perentorie» dei loro avversari idealisti o materialisti: la tesi confutata essi la riprendono imperturbati e come se nulla fosse. La mentalità «disinteressata» intellettualmente, la lealtà intellettuale es¬ si non la comprendono o la comprendono come una debolezza [e dab¬ benaggine] degli avversari. Essi contano sulla potenza della loro orga¬ nizzazione mondiale e sul fatto che la grande maggioranza della po¬ polazione non è ancora «moderna», è ancora alla fase tolemaica della scienza. Se lo Stato rinunzia a essere centro di cultura propria, auto¬ noma, la Chiesa non può che trionfare. | Tanto più che lo Stato non 28 solo non interviene come centro autonomo, ma distrugge ogni oppo¬ sitore della Chiesa aH’infuori dell’idealismo attuale pappagallizzato. Le conseguenze di questa situazióne saranno della massima impor¬ tanza; ma le cose non andranno liscie per molto tempo: la Chiesa è uno Shylok anche più implacabile dello Shylok ebreo: essa vorrà la sua libbra di carne e si infischierà del dissanguamento della vittima. Aveva ragione Disraeli: i cristiani sono stati gli ebrei più intelligenti che hanno conquistato il mondo6. La Chiesa non sarà ridotta alla sua forza normale con la confutazione in sede filosofica dei suoi postulati teorici (teologici) e con le affermazioni platoniche della autonomia statale: ma con l’azione pratica, con l’esaltazione delle forze umane in tutta l’area sociale. La quistione finanziaria del centro religioso: l’organizzazione del cattolicismo in America dà la possibilità di raccogliere fondi molto vi¬ stosi, oltre alle rendite normali ormai assicurate e all’obolo di S. Pie¬ tro. Potrebbero nascere quistioni internazionali a proposito dell’in¬ tervento della Chiesa negli affari interni dei singoli paesi, con lo Stato che sussidia permanentemente la Chiesa? La quistione potrebbe esse¬ re elegante, come si dice. La quistione del finanziamento rende anche più interessante il pro¬ blema della cosi detta indissolubilità proclamata dal pontefice del trattato e del concordato: ammesso che il pontefice si trovasse nella necessità di ricorrere a questo mezzo politico di pressione sullo Stato, non si porrebbe subito il problema della restituzione delle somme ri¬ scosse (somme legate appunto al trattato e non al concordato)? Ma esse sono cosi ingenti ed è pensabile che saranno spese in gran parte nei primi anni, che la loro restituzione può ritenersi praticamente im- 49« QUADERNO