Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/505

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


4 (XIII) possibile. Nessuno Stato farebbe un cosi gran prestito al pontefice per trarlo d’imbarazzo e tanto meno un privato o una banca: la denunzia del trattato scatenerebbe una tale crisi nella organizzazione pratica della Chiesa, che la solvibilità di questa sia pure a grande scadenza, | 29 sarebbe annientata-. La convenzione finanziaria deve essere pertanto considerata come la parte essenziale del trattato, come la garanzia di una quasi impossibilità di denunzia del trattato, prospettata per ra¬ gioni di polemica e di pressione politica. Cfr Quaderno 16 (xxii), pp. 16-20 bis. J § (54)- «Col 1918 si aveva una importantissima innova¬ zione nel nostro diritto, innovazione che stranamente (c’era però la censura nel 1918) passava tra la disattenzione generale: lo Stato ri¬ prendeva a sussidiare il culto cattolico, abbandonando dopo sessanta- tré anni il principio cavourriano ch’era stato posto a base della legge sarda 29 maggio 1855: lo Stato non deve sussidiare alcun culto». A. C. Jemolo, Religione dello Siato e confessioni ammesse., in « Nuovi Studi di Diritto, Economia, Politica », anno 1930, p. 30. La innovazione fu introdotta coi D. L. 17 marzo 1918, n. 396 e 9 maggio 1918, n. 655. A questo riguardo lo Jemolo rimanda alla no¬ ta di D. Schiappoli, I recenti provvedimenti economici a vantaggio del clero, Napoli, 1922, estratta dal vol. XLVIII degli Atti della R. Accademia di Scienze morali e politiche di Napoli1. i Cfr Quaderno 16 (xxii), pp.^ijbis-16. § ( 55 > ■ Il principio educativo nella scuola elementare e media. La frattura introdotta ufficialmente nel principio educativo tra la scuola elementare e media e quella superiore. Prima una frattura del genere esisteva solo in modo molto marcato tra la scuola professiona¬ le e la scuola media e superiore. La scuola elementare era posta in una specie di limbo, per alcuni suoi caratteri particolari. Nella scuola elementare due elementi si prestavano all 'educazione dei bambini: le nozioni di scienza e i diritti e doveri del cittadino. La « scienza » doveva servire a introdurre il bambino nella «societas re¬ rum», i diritti e doveri nella «società degli uomini». La «scienza» entrava in lotta con la concezione « magica » del mondo e della natura che il bambino assorbe dall’ambiente « impregnato » dal folklore: l’in¬ segnamento è una lotta contro il folklore, per una concezione reali¬ stica in cui si uniscono due elementi : la concezione di legge naturale e quella di partecipazione attiva dell’uomo alla vita della natura, cioè 29 bis alla I sua trasformazione secondo un fine che è la vita sociale degli uomini. Questa concezione si unifica cioè nel lavoro, che si basa suUa conoscenza oggettiva ed esatta delle leggi naturali per la creazione della società degli uomini. L’educazione elementare si impernia in ul¬ tima analisi nel concetto e nel fatto del lavoro, poiché l’ordine sociale 1 1930-1932: